entrare nella vita faentina dal tardo Quattrocento al Settecento

Martedì 14 giugno, alle 18.30, nel chiostro del Museo Civico delle Cappuccine di Bagnacavallo si terrà la presentazione del libro di Paolo Campana “Con ogni diligenza corretto e stampato. Stampatori, librai e cartari a Faenza dal XV al XVIII secolo”, edito dalla Casa Editrice Polaris nel 2021.
Sarà presente l’autore, che illustrerà la lunga e approfondita ricerca che lo ha portato in archivi e biblioteche italiane alla scoperta di innumerevoli e appassionanti vicende di librai, stampatori e cartari che scelsero come sede per la loro attività Faenza, che da piccola realtà divenne l’“Atene della Romagna”, un importante punto di riferimento per letterati, astrologi, medici e per tutte quelle professioni che della stampa sfruttarono le risorse e potenzialità. Il racconto delle storie dei protagonisti della produzione e del commercio di libri diventa occasione per entrare nella vita faentina dal tardo Quattrocento al Settecento e per scoprire la quotidianità e gli interessi di questi secoli, testimoni della diffusione della grande rivoluzione della stampa.
Affiancherà l’autore nella presentazione del libro il ricercatore di storia locale Marco Mazzotti dell’Archivio Diocesano di Faenza.

L’evento è inserito all’interno della programmazione della Biennale_OFF, l’anticipazione della Biennale d’incisione “Giuseppe Maestri” organizzata dal Comune di Bagnacavallo in collaborazione con il Comune di Ravenna e patrocinata dal Ministero della Cultura, dalla Regione Emilia-Romagna e dalla Provincia di Ravenna.

Ingresso libero e gratuito.
Il Museo Civico delle Cappuccine è in via Vittorio Veneto 1/a.
Informazioni:
0545-280911/3
[email protected]
www.museocivicobagnacavallo.it

Paolo Campana, nato a Bologna nel 1965, vive a Faenza dal 1971. Cresciuto professionalmente sulle orme del padre “linotipista errante”, da oltre trentacinque anni svolge la sua attività nel mondo della stampa. Cultore di storia e archeologia locale, ha curato la trascrizione di un antico manoscritto di cronache camaldolesi, dalla quale ha poi tratto il volume “L’antica abbazia dei santi Ippolito e Lorenzo in Faenza” (Tipografia Faentina Editrice). È autore della guida turistica “Pirenei” (Calderini, Bologna) e coautore di “Zavagliando” (Bottega Bertaccini, Faenza), vocabolario di parole di uso corrente derivate dall’italianizzazione di termini dialettali faentini.