La nuova stagione concertistica partirà a novembre e durerà fino ad aprile del 2023, con tutti gli appuntamenti, ai quali prenderanno parte anche ospiti illustri, che sono in programma al teatro “Alighieri”

La stagione musicale “Capire la musica 2022/2023”, organizzata dalla cooperativa ravennate “Emilia-Romagna concerti”, torna sul palcoscenico del teatro “Alighieri” di Ravenna con un programma interessante, con alcune conferme e con molte novità. Se rimane attiva la storica collaborazione con la “Young musicians European orchestra”, va specificato che le due istituzioni musicali hanno strutturato le loro stagioni musicali al fine di evitare sovrapposizioni, così da realizzare, invece, preziose sinergie. Mentre “Emilia-Romagna concerti” si occuperà dell’organizzazione dei concerti a Ravenna e nelle città vicine; la “Young musicians European orchestra”, realizzerà tutte le attività propedeutiche e di promozione musicale sia nelle scuole che in tutte le realtà culturali che lo richiederanno. Tra queste ci sono, ad esempio, le istituzioni museali di Ravenna; gli enti del tempo libero; le associazioni di volontariato; ma anche, per la prima volta, l'”Acer” di Ravenna e “Gli amici della biblioteca Classense”. 

I sette concerti della rassegna si svolgeranno da lunedì 21 novembre a mercoledì 12 aprile del 2023, tutti al teatro “Alighieri” di Ravenna. Di seguito, l’elenco degli spettacoli in programma per la stagione musicale “Capire la musica 2022/2023”:

  • lunedì 21 novembre; concerto in occasione di Santa Cecilia, coi giovanissimi Giovanni Andrea Zanon ed Leonora Armellini
  • venerdì 16 dicembre; concerto di Natale con Massimo Mercelli, flausitsta, e con Ramin Bahrami, pianista, impegnati nel concerto Brandenburghese numero 5 di Bach, preceduto da alcuni brillanti brani solistici di Vivaldi. Al termine, dopo le difficoltà della pandemia, torneranno, finalmente, ad esibirsi oltre cento bambini delle scuole ravennati, eseguendo tre canzoni di Natale
  • lunedì 23 gennaio del 2023; “La musica miracolosa-Storia e leggenda di un pianista del ghetto di Varsavia”, concerto per le vittime della Shoah
  • martedì 7 marzo del 2023; concerto in occasione della festa della donna, con Carlotta Maestrini, giovanissima e talentuosa
  • martedì 28 marzo del 2023; concerto per le vittime innocenti della mafia, con l’orchestra sinfonica del conservatorio di Bologna
  • sabato 1 aprile del 2023; concerto di Pasqua co-prodotto dalla “Young musicians European orchestra” con l’accademia “Chigiana” di Siena, col Bach-chor di Monaco di Baviera e col coro della cattedrale di Siena, con 180 musicisti sul palco per il grandioso Stabat Mater di Rossini
  • mercoledì 12 aprile del 2023; concerto di Ivo Pogorelich, uno dei più grandi pianisti del mondo, che a Ravenna ha eseguito, oltre quarant’anni fa, alcuni dei suoi primi concerti e che ritorna con un programma “tutto Chopin”

In merito all’iniziativa che partirà a novembre e che terminerà nell’aprile del 2023, si è espresso Fabio Sbaraglia, assessore alla cultura del Comune di Ravenna, con le seguenti parole. “Gli appuntamenti concertistici di questa rassegna sono diventati una tradizione ravennate, che segnano e che cadenzano la vita della città in alcuni dei momenti più significativi, come il Natale, la Pasqua, la festa della donna, e il ricordo delle vittime di guerra e delle mafie. Punto di certo merito dell’iniziativa è il coinvolgimento e il protagonismo di tanti giovani e di giovanissimi musicisti”, ha concluso Sbaraglia.

Anche Paolo Olmi, maestro, ha rilasciato dichiarazione in merito alla stagione musicale “Capire la musica 2022/2023”: “Dopo tanti anni potremo avere, nuovamente, a Ravenna, alcuni dei più importanti musicisti del mondo, come Ivo Pogorelich e Ramin Bahrami, che si alterneranno alle nuove star del concertismo come Giovanni Andrea Zanon ed Leonora Armellini. Partecipano alla co-produzione del concerto di pasqua il Bach-chor di Monaco di Baviera e l’accademia ‘Chigiana’ di Siena. Particolarmente significativo, a questo proposito, il livello di eccellenza del cast vocale impegnato nello Stabat Mater di Rossini sabato 1 aprile del 2023, tra cui Irina Lungu, soprano; Antonino Siragusa, tenore; Marianna Pizzolato, mezzo soprano; e Antonio di Matteo, basso. Oltre alla collaborazione con l’accademia ‘Chigiana’, abbiamo realizzato una preziosa collaborazione con la scuola italiana d’archi, diretta da Stefano Pagliani, e speriamo di concludere presto un accordo con l’accademia “Stauffer” di Cremona”, ha concluso Olmi.

Inoltre, anche la politica dei prezzi è stata ulteriormente migliorata, introducendo nuovi sconti per tutte le categorie. A questo proposito, si è espresso Silvana Lugaresi, presidente di “Emilia-Romagna concerti”: “In particolare, col contributo del nostro main sponsor Eni e di Sapir Ravenna, siamo in grado di offrire, ai primi cinquanta giovani sotto i 26 anni che ne faranno richiesta, un abbonamento scontatissimo per sette concerti al prezzo di 14€. Inoltre, solo collaborando con tanti partner qualificati si è riusciti a raggiungere i livelli di eccellenza della prossima stagione musicale, e ricordo, in modo particolare, la sinergia col ministero degli esteri; con l’associazione ‘Emilia-Romagna festival’; e coi Comuni di Forlì, di Cervia, di Cotignola, di Portico di Romagna, di Tredozio, di Brisighella e di Casola Valsenio”, ha concluso la Lugaresi.

Gli abbonamenti-carnet, i cui prezzi vanno dai 14€ ai 104€, sono disponibili nella biglietteria del teatro “Alighieri” di Ravenna da oggi, lunedì 17 ottobre, o online nel sito web www.teatroalighieri.org (la vendita, però, è valida solo per i singoli biglietti, non per gli abbonamenti), oppure telefonando allo 0544 249244. Per maggiori informazioni è necessario scrivere una mail all’indirizzo erconcerti1@yahoo.it.