Nuova Orchestra Santa Balera
La Nuova Orchestra Santa Balera

Sul palco dell’Ariston la Nuova Orchestra Santa Balera festeggerà i 70 anni di ‘Romagna Mia’

La formazione della ‘Nuova Orchestra Santa Balera’, composta da musicisti e ballerini romagnoli, mercoledì 7 febbraio sarà protagonista della 74esima edizione del Festival di Sanremo. I 15 musicisti e 10 ballerini, provenienti dal circuito Vai Liscio della Regione Emilia Romagna, curata dal Mei di Faenza, sono infatti stati invitati dal direttore artistico del Festival, il conduttore Amadeus, a esibirsi sul palco del teatro Ariston, tempio della musica italiana, in occasione dei 70anni dell’inno delle nostre terre, brano scritto da Secondo Casadei nel 1954.

I Santa Balera saranno quindi gli ambasciatori della Romagna portando nella prestigiosa vetrina di Sanremo un’atmosfera allegra e di giovialità e, come ha sottolineato Amadeus “festeggeranno i 70 anni di ‘Romagna Mia’ trasformando l’Ariston nella più grande balera d’Italia”.

Tra i componenti de la Nuova Orchestra Santa Balera cinque musicisti del faentino: Anna e Angela De Leo (del duo Emisurèla), Kevin Cimatti, Riccardo Monti e Samuele Sangiorgi di Fognano.

Siamo particolarmente felici della presenza della formazione Santa Balera al prestigiosissimo Festival della canzone italiana” ha detto il sindaco Massimo Isola. “Sarà una grande occasione –continua il primo cittadino- per celebrare i musicisti che hanno dato un’importante impronta culturale di un genere assolutamente riconoscibile, il liscio, espressione della musica popolare tipica della Romagna che da decenni fa ballare e divertire intere generazioni entrando di fatto a far parte dell’identità di questa terra. La presenza della Nuova Orchestra Santa Balera, in un anno così particolare per la Romagna, colpita duramente dalle alluvioni di maggio dello scorso anno, sarà inoltre l’occasione di testimoniare, in una vetrina seguita da milioni di spettatori, la voglia di rialzarsi e la tenacia di un popolo che malgrado le avversità ha saputo affrontare un dramma che ha travolto la Romagna. Un ringraziamento doveroso deve andare oltre che ai giovani che mercoledì saranno sul palcoscenico, ai quali facciamo i nostri migliori auguri, anche a Giordano Sangiorgi per il lavoro fatto sia in questa occasione ma anche per essere da sempre attento alla promozione musicale dei giovani nel territorio”.