In arrivo anche i festeggiamenti del Capodanno cinese

Una settimana con diversi appuntamenti alla biblioteca Trisi, aspettando i festeggiamenti del Capodanno cinese.

Lunedì 5 febbraio, alle 15 in sala Codazzi, il consueto appuntamento con l’Associazione Mondo Rosa per realizzare progetti a scopo benefico, come le famose Pigotte per l’Unicef o lavori a maglia per i bambini prematuri degli ospedali della Romagna e di Macerata, gli incontri sono aperti a tutti coloro che volessero partecipare.

Durante la presenza di Mondo Rosa sarà possibile ritirare il kit per realizzare la mattonella di lana 50×50, per il progetto Vivi Vittoria (https://www.vivavittoria.it/). Il 6 ottobre nella spiaggia libera di Cervia, poi, sarà esposta l’opera composta da tutti i mattoncini realizzati.

Giovedì 8 febbraio, alle 17.30 in sala Codazzi, Muriel Pavoni presenta il suo ultimo libro Nomi di piume. Vite straordinarie di scrittori donne. Dialoga con l’autrice Maria Chiara Sbiroli, direttrice della biblioteca.

Le donne del Novecento con l’ambizione di essere scrittrici hanno dovuto superare sbarramenti e censure. Essere consapevoli del proprio ruolo, e determinate a difenderlo, non è bastato a farsi riconoscere e rispettare come avrebbero meritato, tant’è che per alcune la notorietà è arrivata solo post mortem. Essere attraenti e apprezzate per l’eleganza a volte ha rappresentato un fattore degradante per la loro credibilità e anche avere una famiglia ha costituito un ostacolo per un avvio sereno di carriera.

Muriel Pavoni è nata a Imola, laureata in storia dell’arte, lavora nella formazione. Le piace leggere e scrivere e ha una passione per le autrici al femminile e per le loro vite.

Venerdì 9 febbraio, alle 17.45 in sezione Ragazzi, nell’ambito del programma di attività svolte per il Capodanno cinese: letture in lingua cinese e italiana e laboratorio gratuito di draghi di carta (dai 5 anni su prenotazione)

Alle 17.45 in sala Codazzi, un nuovo appuntamento con “Leggere, ascoltare, ritrovarsi”, il ciclo di incontri in biblioteca Trisi per curare le ferite del post alluvione.

Attraverso la lettura di brani selezionati dai bibliotecari, si cerca di analizzare gli stati d’animo e le emozioni del post alluvione, accompagnati dai professionisti del Centro Psicoanalitico di Bologna Chiara Ghetti e Giorgio Bambini. L’appuntamento, su prenotazione, è già sold out.