Previsto anche un Osservatorio per controllare il rispetto delle regole

Un nuovo protocollo per gli appalti. Il documento, che segue di 10 anni il precedente, è stato approvato ieri durante una seduta plenaria in prefettura alla quale erano presente, oltre al prefetto Riccardo Compagnucci, gli amministratori locali, il presidente della Provincia Francesco Giangrandi, il presidente del Tribunale Alfredo Giani, i rappresentanti delle forze dell’ordine, degli enti statali, delle imprese e dei lavoratori.
Combattere l’evasione fiscale, il lavoro nero, la concorrenza sleale e valorizzare la migliore imprenditoria nell’ambito degli appalti pubblici è l’obiettivo del protocollo, che ha assorbito le più recenti norme in materia di prevenzione degli infortuni.

Aspetti qualificanti del protocollo sono la valorizzazione dell’offerta economicamente più vantaggiosa; l’inserimento nei bandi di gara di una clausola che prevede il pagamento diretto dei subappaltatori da parte delle pubbliche amministrazioni, dietro verifica del rispetto degli obblighi retributivi verso i dipendenti e della normativa contributiva e fiscale; la previsione di costituzione di un Osservatorio permanente sugli appalti e sui lavori con il compito di monitorare l’attuazione del protocollo, organizzare percorsi formativi sugli appalti pubblici, monitorare l’andamento degli infortuni in provincia.

E’ prevista, inoltre, la costituzione di un fondo da destinare alla formazione congiunta e permanente degli operatori nel campo degli appalti pubblici. Infine, verrà stilato un programma di verifiche congiunte nei cantieri.

Il protocollo sarà operativo non appena saranno approvati anche tutti gli allegati tecnici.