Antonio Patuelli, presidente del gruppo Cassa di Risparmio di Ravenna Spa e vice presidente vicario dell’associazione Bancaria Italiana, è stato relatore sul tema “Le banche italiane e Basilea 3” ad un meeting del Lions Club di Faenza presieduto da Leonardo Colafiglio.
 

Durante l’incontro Patuelli ha sottolineato che “le imprese bancarie italiane non hanno generato la crisi e non hanno ricevuto alcun contributo pubblico, ma stanno vicine a imprese e famiglie per la ripresa dello sviluppo e dell’occupazione. Le nuove regole di Basilea 3 – spiega – attendono di essere adottate da una direttiva europea che dovrà essere approvata dal Parlamento Europeo e dal Consiglio. Il complesso dei provvedimenti previsti da Basilea 3 ridurrà le probabilità di crisi bancarie, incrementando i requisiti minimi di capitale per le banche.

Le nuove norme sono di grande rigore e le banche italiane, ciascuna in modo originale e con le proprie specifiche responsabilità, è responsabile di adottarle nei tempi previsti. Ma Basilea 3 – ha concluso Patuelli – è anche l’occasione per migliorare ulteriormente il dialogo banche e imprese innanzitutto attraverso la piena trasparenza nei rapporti reciproci”.