Portachiavi a forma di casa (foto di repertorio)

I dettagli dell’avviso e come presentare domanda

In arrivo contributi per il sostegno al pagamento dell’affitto per le persone e le famiglie in difficoltà. Si tratta di tre tipologie di benefici possibili grazie alle risorse derivanti dal Fondo regionale per l’accesso all’abitazione in locazione e destinate al distretto socio sanitario di Ravenna, che comprende anche i Comuni di Cervia e Russi.

Le risorse derivanti dal Fondo regionale ammontano a 635.416,99 euro e sono state assegnate per 515.404,53 euro al Comune di Ravenna, per 83.742,34 al Comune di Cervia e per 36.270,12 a quello di Russi.

Lo scorrimento delle graduatorie vigenti

Il primo dei benefici riguarda la riapertura delle graduatorie del Fondo affitto il cui bando si era chiuso lo scorso 28 febbraio: il primo stanziamento di risorse aveva dato risposta solo ad una parte delle persone in graduatoria; grazie alle nuove somme messe a disposizione altre 350 persone riceveranno i benefici entro la fine del mese di settembre.

I contributi diretti da emergenza Covid-19

E’ in pubblicazione da oggi sul sito del Comune di Cervia l’avviso pubblico per l’accesso ai contributi diretti che verranno riconosciuti a coloro che autocertificheranno un calo del reddito causato dall’emergenza Covid – 19 e con Isee fino a 35.000,00.

Per conoscere i dettagli dell’avviso e per presentare la domanda di contributo consultare il sito www.comunecervia.it

La rinegoziazione dei canoni in corso

Il terzo beneficio riguarda la possibilità di rinegoziare i canoni di locazione esistenti riducendo l’importo del canone oppure modificando la tipologia contrattuale. Questo strumento si propone il duplice scopo di aiutare a fronteggiare la difficoltà nel pagamento del canone e al tempo stesso incentivare i proprietari di alloggi sfitti a immetterli sul mercato della locazione a canone concordato. Beneficiari sono i nuclei familiari con Isee fino a 35.000 euro.

Il contributo è erogato una tantum al locatore. La rinegoziazione può consistere nella riduzione dell’importo del canone di locazione libero o concordato o transitorio oppure nella modifica della tipologia contrattuale da libero o transitorio (anche studenti) a concordato oppure nella stipula di nuovo contratto concordato.

A breve sarà pubblicato il relativo avviso pubblico con le modalità per la presentazione delle domande.