Foto di repertorio shutterstock

Possibile fare domanda da oggi, mercoledì 16 dicembre, fino a domenica 27

Sarà possibile, a partire da oggi, mercoledì 16 dicembre, fino a domenica 27 dicembre, fare domanda per accedere al contributo a fondo perduto che il Comune di Ravenna ha messo a disposizione a favore delle imprese che si sono trovate a dover gestire una situazione di grave difficoltà economica e finanziaria, a causa della pandemia del Covid-19, con forti ripercussioni sulla loro redditività.

In riferimento al precedente bando, di novembre scorso, nel quale il Comune ha messo a disposizione 1 milione di euro, sono pervenute 295 domande da parte di imprese con attività sospese o parzialmente sospese a seguito del DPCM del 24/10/2020 e si è proceduto ad impegnare quasi 400mila euro. Per i prossimi 10 giorni si apre la possibilità di accedere agli ulteriori 600mila euro. Il bando è consultabile al link https://bit.ly/ristori-2020.

“Con il perdurare di questa difficile situazione sanitaria ed economica – afferma l’assessore alle Attività produttive Massimo Cameliani – la possibilità di poter accedere a questa misura straordinaria assume una valenza significativa per le tante imprese che, pur con determinazione e coraggio, stanno risentendo della crisi. L’Amministrazione comunale con questo strumento e con gli altri che abbiamo già messo in campo intende sostenere il nostro tessuto economico e non solo. Infatti, fino ad ora il sostegno è di circa 7 milioni di euro. In particolare ricordo le diverse forme di agevolazione legate al pagamento di tasse e imposte, i contributi alle realtà culturali e sportive e nei confronti delle varie categorie imprenditoriali”.

Il contributo sarà riconosciuto esclusivamente alle imprese operanti nel territorio comunale, iscritte alla Camera di commercio, con partita Iva attiva alla data del 25 ottobre, giorno successivo all’emanazione del decreto del governo che ha previsto misure restrittive nella lotta al coronavirus, chiudendo o limitando lo svolgimento di attività produttive ed economiche.