Al centro viabilità, edilizia scolastica e musei

Nel prossimo triennio a Cotignola sono previsti investimenti per circa 3 milioni di euro: interventi che sono contenuti nel bilancio di previsione 2021-2023, presentato a fine dicembre e che sarà sottoposto per l’approvazione al Consiglio comunale entro fine gennaio, unitamente alla nota di aggiornamento del Documento unico di programmazione (Dup) e al programma triennale dei lavori pubblici 2021-23.

Le tariffe dei servizi a domanda individuale sono tutte confermate anche per l’annualità 2021, comprese le scontistiche per i redditi più bassi e per le famiglie che hanno più figli iscritti alle scuole.
Non sono previsti ritocchi alla tassazione locale, in particolare anche l’aliquota Irpef (0,6%) rimarrà invariata.

“Si tratta di un grande sforzo per l’ente, siccome a causa del Covid i costi di esercizio di tutti i servizi sono inevitabilmente aumentati – ha sottolineato il sindaco Luca Piovaccari -. Abbiamo tuttavia evitato di intervenire sulle tariffe, accollandoci come Comune l’incremento dei costi, consapevoli delle difficoltà del momento e dell’importanza di continuare a garantire a tutte le famiglie questi servizi essenziali”.”.

I principali investimenti del 2021 riguarderanno la rotatoria tra la strada provinciale Madonna di Genova e la strada provinciale Felisio (250mila euro), il completamento della pista ciclabile di via Zanzi e via Canossa (350mila euro), la manutenzione straordinaria di viale Vassura (300mila euro), l’ampliamento e la riqualificazione degli spazi museali di Casa Varoli e Palazzo Sforza (354mila euro), il miglioramento sismico strutturale e la ristrutturazione della parte interrata del cimitero di Barbiano (300mila euro) e infine il rifacimento della scuola primaria “Giosuè Carducci” di Barbiano (1 milione di euro).

“Stiamo convinti che in questa emergenza – ha sottolineato il sindaco Piovaccari – sia ancora più importante che l’ente pubblico stimoli l’economia locale attraverso una programmazione ambiziosa degli investimenti, concentrandosi sui temi dell’efficientamento del patrimonio, a partire dalle scuole, della mobilità e della promozione culturale e sociale”.