Piattaforma (foto di repertorio Shutterstock.com)

Liverani (Lega E-R) si dice pronto a depositare un’interrogazione per chiedere conto alla Giunta regionale

“Un’occasione persa. Nonostante i proclami del premier Conte e del governatore Bonaccini l’impianto della CO2 di Ravenna è stato improvvisamente e incomprensibilmente eliminato dall’elenco dei progetti finanziabili attraverso il Recovery Fund. Un cambio di rotta che non comprendiamo e che fa sfumare opportunità per il nostro territorio”. Così il consigliere della Lega ER Andrea Liverani che, dopo il “taglio” previsto dal Consiglio dei ministri, ha annunciato di essere pronto a depositare un’interrogazione per chiedere conto alla Giunta regionale.
“Ci preme comprendere come mai il progetto dell’Eni, che sarebbe una leva importante per mettere a frutto la professionalità delle nostre imprese e andrebbe incontro alle politiche energetiche sbandierate dal Governo, sia stato depennato dall’elenco. Eppure Conte aveva annunciato che quello di Ravenna sarebbe stato l’hub per la cattura e lo stoccaggio di CO2 ‘più grande di tutta Europa’ e lo stesso Bonaccini aveva condiviso l’idea progettuale. Com’è possibile che il governo ora cambi improvvisamente le carte in tavola?” ha proseguito l’esponente del Carroccio.
“Viene da chiedersi come abbia operato lo stesso Pd regionale visto che i colleghi di partito, a Roma, hanno cancellato l’opera da quelle considerate prioritarie” afferma Liverani sottolineando come “un rinvio condanni l’Emilia-Romagna e l’Italia intera a rimanere indietro rispetto agli altri Paesi europei”.