Taxi (shutterstock.com)

Per le persone in condizioni di fragilità impossibilitate a spostarsi in autonomia

Da oggi, lunedì 8 marzo, è possibile per le persone in condizioni di fragilità impossibilitate a spostarsi in autonomia per sbrigare ogni incombenza e necessità o anche raggiungere le sedi vaccinali, richiedere i voucher taxi/buoni viaggio per utilizzare i taxi a prezzi calmierati.

Il servizio è frutto della collaborazione tra il Comune e le principali categorie di taxi e noleggio con conducente (NCC) e consentirà l’abbattimento del 50% dei costi di trasporto.

A tale scopo sono stati predisposti i cosiddetti “voucher taxi” e/o “buoni viaggio” che consistono in tagli da 3,5 e 1,5 euro, mentre la spesa massima consentita non può superare i 20 euro per ciascun viaggio. Ad ogni avente diritto saranno quindi assegnati 20 voucher/buoni viaggio per ciascun taglio di spesa, del valore complessivo di 100 euro. I buoni potranno essere richiesti fino al 20 giugno e saranno erogati fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Il Comune ha a disposizione a tal fine la somma di 247.274 euro.

Chi può richiederli

Possono richiedere i voucher taxi/buoni viaggio persone in condizioni di fragilità e specificamente: persone a cui è riconosciuta la legge 104, e/o con invalidità civile certificata di almeno il 74%; persone soggette a terapia salvavita; donne in gravidanza; over 75; donne costrette a spostarsi per comprovate esigenze di lavoro nella fascia oraria 22-06; persone in stato di necessità segnalate dai competenti servizi sociali o in difficoltà economiche derivanti da Covid-19.

Quando e come presentare domanda

La domanda per l’ottenimento del voucher deve essere presentata esclusivamente mediante il modulo scaricabile dal sito istituzionale del Comune al link https://bit.ly/3evZ1FV e da inviare, unitamente a copia del documento di identità, all’indirizzo di posta elettronica [email protected]; lo stesso indirizzo può essere utilizzato per le richieste di informazioni. Nella domanda, il richiedente, oltre a inserire i propri dati anagrafici, dichiara sotto la propria responsabilità di essere in possesso di uno dei requisiti che danno diritto a ricevere i voucher. Il Comune effettuerà i controlli a campione sulle dichiarazioni rese ai fini della verifica del possesso dei requisiti; le dichiarazioni non veritiere costituiscono reato punito ai sensi del codice penale e dalle leggi speciali in materia.

I voucher erogati potranno essere utilizzati entro 45 giorni dal rilascio e pertanto i beneficiari hanno l’obbligo di utilizzarli entro il 30 giugno 2021, anche se li hanno richiesti e ricevuti successivamente al 15 maggio 2021. 

“Con l’attivazione di questo servizio – afferma Valentina Morigi, assessora ai Servizi sociali – abbiamo raggiunto più di un obiettivo: favorire i cittadini più deboli garantendo il fondamentale diritto alla mobilità e sostenere un settore economico colpito dalla pandemia come quello dei taxisti e dei noleggiatori con conducente, offrendo la possibilità di spostarsi in sicurezza a prezzi agevolati. Mi preme ringraziare tutti coloro che hanno collaborato”.

“Il servizio di trasporto pubblico non di linea, “door to door” – sostengono Confartigianato, Cna e Confcommercio, in rappresentanza delle imprese esercenti l’attività di taxi ed NCC sul territorio comunale – deve essere considerato una risorsa per l’intera collettività e questa collaborazione può essere un punto di partenza per un approccio più “sociale” al tipo di servizio. Il continuo confronto con le imprese ha permesso di proporre all’utenza una modalità semplice e in linea con le peculiarità del servizio a Ravenna”.