Soddisfatti tutti i creditori secondo le previsioni del piano concordatario

Dopo quattro anni di intenso lavoro e dedizione da parte della compagine aziendale e di tutti i portatori di interesse, l’amministratore unico Gianluigi Bambini, al timone della società durante il burrascoso periodo concordatario, conduce l’azienda in porto, concludendo la procedura concordataria, e prelude ad un nuovo percorso di crescita in bonis per la Bambini SpA.

L’azienda, a seguito dell’udienza del 2 luglio u.s., di fronte al Giudice Delegato del Tribunale di Ravenna dott. Alessandro Farolfi, ha tracciato l’ultima parte della rotta con l’approvazione e l’esecuzione del piano finale di riparto.

L’azienda era entrata in concordato preventivo il 1° giugno 2017, in conseguenza ad una pesante crisi finanziaria, a seguito della quale è stato presentato un piano concordatario in continuità aziendale nei termini di legge, approvato dalla maggioranza dei creditori ed omologato dal Tribunale di Ravenna il 13 luglio 2018.

A distanza di quattro anni dall’inizio della procedura sono state rispettate tutte le previsioni del piano, a dimostrazione della capacità della Società di mantenere gli impegni presi coi creditori. I pagamenti sono stati completati il 12 luglio ed il 19 luglio la cancelleria del Tribunale di Ravenna ha inviato il decreto di esecuzione del concordato.

L’azienda può ora recuperare uno status di operatività normale e, così, riprendere il proprio percorso all’insegna di una ritrovata energia e una rinnovata speranza.

Le problematiche del passato sono state superate grazie soprattutto allo sforzo di tutti i dipendenti, che non hanno mai smesso di crederci, neppure nei momenti più critici, e si sono dedicati anima e corpo al raggiungimento di questo obiettivo.

Un ringraziamento speciale va fatto poi ai consulenti dello studio BP e Associati di Rimini e Bologna, che hanno svolto un lavoro egregio, con un inconsueto grado di professionalità ed entusiasmo. Un team di capaci professionisti, costituito dai dott. Fabio Pesaresi e Fabio Andreoli (advisor finanziari) e dagli avv.ti Moreno Pesaresi e Jan Czmil (advisor legali).

Un sentito ringraziamento è dovuto al Tribunale di Ravenna e ai Commissari Giudiziali, per la competenza, la serietà e l’attitudine al dialogo che hanno mostrato in ogni momento di questa complessa procedura.

Ovviamente dove siamo oggi lo dobbiamo anche ai creditori, sia quelli che nonostante i sacrifici imposti dal concordato hanno comunque aderito alla posposta, sia quelli che sin dall’inizio si sono impegnati a mantenere il sostegno finanziario alla Bambini S.p.A. anche dopo l’uscita dal concordato, come La Cassa di Ravenna.

Grazie a quest’importante operazione straordinaria che è il concordato in continuità aziendale, è stato possibile restare sul mercato e cogliere alcune importanti opportunità offerte dallo stesso. L’azienda ha dovuto infatti lavorare per migliorare il proprio posizionamento all’estero (dal quale, al momento, deriva il 60% del fatturato) e ha preso in gestione alcuni mezzi navali di proprietà di terzi, che hanno consentito di mantenere un’elevata competitività della Bambini SpA, senza gravare in maniera eccessiva sulla gestione finanziaria.

É stato fronteggiato il periodo più acuto della crisi pandemica, durante il quale si sono verificate situazioni veramente difficili con gli equipaggi dislocati all’estero, anche in zone a rischio di atti di pirateria, i quali hanno dovuto sopportare diversi mesi di lontananza dai propri cari per la mancanza di connessioni aeree. Per contro, nello stesso periodo, è arrivato un gradito dono dal cielo tra le famiglie del personale di terra. Sono state date alla luce nove creature, Giulia, Asia, Ludovico, ed altri bambini in salute.

L’azienda così risanata è pronta a cogliere le opportunità scaturenti dal mercato e consolidare la propria posizione al servizio del settore dell’energia, per il quale presta la propria opera dal 1962. E’ grata e profondamente riconoscente alla memoria del fondatore dell’azienda, il comandante Mario Bambini, che ha vigilato “da lassù”, garantendo la sua protezione durante questo lungo e difficile periodo.

La Bambini SpA guarda avanti, con una compagine aziendale in gran parte giovane, motivata, col sorriso e supportata anche dalla presenza delle mascotte Thiago (un cane Husky) e Miguel (un pelosissimo gatto persiano), che contribuiscono a migliorare il clima aziendale. Si prepara a celebrare i 60 anni di attività ed osserva con particolare attenzione il settore delle energie rinnovabili. E’ pronta a raccogliere le sfide dei prossimi anni, nelle quali la ricerca di una migliore sostenibilità e sensibilità nei confronti di tutti i portatori di interesse costituirà una chiave importante per il successo e la continuità aziendale.