Prefettura di Ravenna in piazza del Popolo (foto di repertorio)

Esaminate le situazioni critiche riferite alle condizioni di lavoro e di sicurezza nei settori portuale, dell’edilizia, dell’agricoltura, del turismo e della logistica

Si è tenuto ieri, presso la Prefettura, un incontro dell’Osservatorio sulla sicurezza e la legalità del lavoro, a seguito dei recenti incidenti sul lavoro verificatisi nel ravennate, con una particolare incidenza nel Porto di Ravenna.

All’incontro, tenutosi in videoconferenza, erano presenti, oltre al Vice Sindaco di Ravenna, il Presidente dell’Autorità di Sistema Portuale, il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Sicurezza in Ambienti di Lavoro dell’Ausl, un rappresentante dell’Ispettorato del Lavoro e i rappresentanti delle Organizzazioni Sindacali.

L’Osservatorio ha avuto come finalità l’esame delle situazioni critiche riferite alle condizioni di lavoro e di sicurezza nei settori portuale, dell’edilizia, dell’agricoltura, del turismo e della logistica, anche svolte in esternalizzazione dalle ditte in appalto e subappalto, e la conseguente rivisitazione del sistema dei controlli.

Si è convenuto, pur nella consapevolezza delle criticità esistenti all’interno dei singoli enti incaricati dei controlli, che gli strumenti di lavoro (es. Atti e Protocolli, Osservatorio) attualmente utilizzati, devono essere rivitalizzati, allo scopo di ottenere una maggiore incisività, anche con meccanismi di intervento immediati, di carattere preventivo ed operativo.

Tutti i presenti hanno condiviso la consapevolezza che il terreno più sensibile dove intervenire è il lavoro organizzato con attività in appalto e subappalto, che rischia di presentare elementi di non facile individuazione.

Nel dettaglio, il metodo di lavoro che la Prefettura intende seguire, prevede la fissazione di riunioni settoriali, che prevedano la partecipazione di soggetti interessati, evitando il coinvolgimento contestuale di tutti i partecipanti dell’Osservatorio, al fine di impedire sovrapposizioni, dispersione di contributi e per scongiurare inefficienze.

E’ stata evidenziata da tutti i presenti l’utilità di un Organismo, quale l’Osservatorio, che consenta la messa in comune di strumenti operativi, al fine di garantire una maggiore incisività nel delicato settore della sicurezza del lavoro.

In chiusura di riunione il Viceprefetto Vicario ha ribadito l’importanza di ricevere delle organizzazioni sindacali puntuali segnalazioni relative a criticità che dovessero evidenziarsi e che possono essere utili a far luce su aspetti specifici.