Rinnovo cariche Aiga

“Il mio primo pensiero va sicuramente alla Past President e amica Federica Baratoni per il brillante lavoro svolto in uno dei periodi più bui della storia del nostro Paese”

Nel corso dell’assemblea ordinaria tenutasi lo scorso 21 luglio, Sara Pazzi è stata eletta nuova presidente della sezione di Ravenna dell’Aiga per il biennio 2021-2023, succedendo alla collega Federica Baratoni, la quale resta in consiglio rinnovando il suo impegno per l’associazione che ha egregiamente guidato negli ultimi due anni, resi particolarmente difficili dalla pandemia.

“E’ stato un privilegio ed un onore aver rappresentato la nostra associazione, affiancata e supportata da un Consiglio Direttivo composto da Colleghi di grande spessore umano e professionale, che non smetterò mai di ringraziare per l’impegno profuso – dichiara l’avv. Baratoni- Con estremo orgoglio cedo il testimone all’avv. Sara Pazzi che saprà guidare la nostra sezione nella miglior direzione ed alla quale rinnovo tutta la mia stima”.

Nuovo incarico anche per Marco Guerra, che ricoprirà il ruolo di vicepresidente, mentre vengono riconfermati Giovanni Crocetti Bernardi e Valeria Pironi rispettivamente nelle funzioni di tesoriere e segretario. Resta nel consiglio direttivo anche Francesca Fabbri ed entra quale nuovo componente Michela Alfieri.

Membro del Consiglio di Amministrazione della Fondazione Forense ravennate, scelto tra i soci Aiga, sarà invece la neo nominata Viola Bravi.

“Sono davvero onorata di essere stata nominata Presidente di Aiga Ravenna – dichiara l’avv. Sara Pazzi – Il mio primo pensiero va sicuramente alla Past President e amica Federica Baratoni per il brillante lavoro svolto in uno dei periodi più bui della storia del nostro Paese.”

“Un sentito ringraziamento – continua la nuova presidente – va anche a tutti i componenti del nuovo Consiglio Direttivo che con me condividono l’impegno a supporto della giovane avvocatura attraverso la facilitazione delle relazioni utili alla crescita professionale dei giovani avvocati, il mantenimento di un costruttivo dialogo con le altre associazioni di professionisti nonché con le Istituzioni Forensi del nostro territorio, con le quali nel corso degli anni abbiamo costruito un rapporto di reciproca fiducia e collaborazione. L’attività convegnistica rimarrà al centro dell’attività della nostra Sezione proseguendo e portando a termine anche tutti quei progetti che a causa della pandemia sono stati forzatamente rallentati”.