(Shutterstock.com)

Dal primo marzo entrerà in vigore l’assegno unico        

C’è tempo fino al 28 febbraio per presentare domanda per l’assegno al nucleo familiare con almeno tre figli minori a carico relativamente ai mesi di gennaio e febbraio 2022.

Pertanto per la domanda sono ancora valide le modalità precedenti mentre dal prossimo 1° marzo entrerà in vigore l’Assegno Unico, da richiedere con procedura telematica secondo le modalità indicate dall’INPS sul proprio sito istituzionale.

Si ricorda che il contributo può essere richiesto da: genitore naturale e/o adottivo e/o preadottivo di almeno tre minori, inseriti nella sua stessa scheda anagrafica (Stato di Famiglia) e conviventi.

I requisiti richiesti:

1) cittadinanza italiana oppure di altro stato appartenente all’Unione Europea, oppure extracomunitaria in possesso di uno dei seguenti titoli:

  • cittadino/a titolare del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo;
  • cittadino/a rifugiato politico, i suoi familiari e superstiti;
  • cittadino/a apolide, i suoi familiari e superstiti;
  • cittadino/a titolare della protezione sussidiaria;
  • cittadino/a che abbia soggiornato legalmente in almeno 2 stati membri, i suoi familiari e superstiti;
  • cittadino/a titolare di un permesso o della carta di soggiorno per motivi familiari;
  • cittadino/a del Marocco, Tunisia, Algeria e Turchia e i suoi familiari regolarmente soggiornante. Accordi Euromediterranei;
  • cittadino/a titolare del permesso unico per lavoro o con autorizzazione al lavoro e i suoi familiari e superstiti, ad eccezione delle categorie espressamente escluse dal Dlgs.40/2014.

2) residenza anagrafica nel territorio del Comune di Ravenna;

3) presenza di almeno tre figli con età inferiore a 18 anni conviventi con il richiedente (per un figlio che nasce o compie 18 anni nel corso dell’anno si ha diritto al contributo parziale);

4) risorse economiche del nucleo familiare (redditi, patrimonio mobiliare e immobiliare) inferiori ai valori dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) in corso di validità con valore non superiore ad € 8.955,98.

Tutti i requisiti richiesti per l’erogazione dell’assegno devono essere posseduti all’atto della presentazione dell’istanza, pena l’esclusione.

Documentazione da allegare

  • Copia dell’Attestazione ISEE in corso di validità completa di Dichiarazione Sostitutiva Unica valevole per la richiesta di prestazioni sociali agevolate o per l’accesso agevolato ai servizi di pubblica utilità, di cui al D.P.C.M. 05 dicembre 2013 n.159 e al Decreto Interministeriale del 07 novembre 2014 pubblicato nella G.U. del 17/11/2014 (S.O.n.87) in vigore a partire dal 01 gennaio 2015, di entrambi i genitori o della madre o del padre se unico genitore;
  • Copia di un documento di identità in corso di validità;
  • Copia del codice IBAN intestato o cointestato al soggetto richiedente (vedi modalità di pagamento);
  • In caso di separazione, copia della Sentenza di separazione;
  • Per i cittadini di Paesi Terzi: copia del titolo di soggiorno di lungo periodo o copia del riconoscimento dello “Status di Rifugiato Politico”, o copia del permesso di soggiorno per protezione sussidiaria, oppure copia del permesso Unico di Lavoro o autorizzazione al lavoro.

L’assegno è liquidato dall’INPS agli aventi dirittoentro 45 giorni dal ricevimento da parte del Comune di Ravenna dell’elenco dei beneficiari.

Modalità di pagamento

I moduli di domanda sono disponibili presso gli Sportelli Sociali Territoriali e possono essere stampati dal sito internet del Comune di Ravenna www.comune.ravenna.it .

In caso di impossibilità, si rende necessario contattare gli sportelli ai numeri telefonici indicati per un appuntamento, in modo da limitare al massimo la presenza fisica negli uffici; lo stesso per informazioni e/o chiarimenti.

Per i residenti nelle zone di:

Il pagamento potrà essere effettuato solo tramite bonifico bancario su conto corrente bancario/postale o libretto nominativo intestato al richiedente.

Sulla veridicità delle informazioni rese saranno effettuati controlli da parte di INPS, Comune di Ravenna e Guardia di Finanza.

Eventuale diniego verrà comunicato in forma scritta al richiedente. Le domande devono essere presentate perentoriamente entro il 28/02/2022.