(Shutterstock.com)
(foto di Shutterstock.com)

Rispetto allo stesso periodo dello scorso anno si registra un aumento, a dimostrazione della capacità della filiera agroalimentare italiana 

Con un balzo del 3,8%, come afferma una nota di Coldiretti, la produzione alimentare in Italia cresce più del doppio della media dell’industria rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. È quanto emerge dall’analisi della Coldiretti, sulla base dei dati “Istat” relativi alla produzione industriale che, nel primo semestre del 2022, aumenta in media del 1,7%. Si tratta della dimostrazione della capacità della filiera agroalimentare nazionale di garantire l’approvvigionamento della popolazione, nonostante uno scenario segnato dall’impennata dei costi di produzione e dalle difficoltà nel commercio internazionale con accaparramenti e con speculazioni.

Un segnale positivo che, prosegue la nota dell’associazione di rappresentanza dell’agricoltura italiana, conferma l’importanza di investire in un comparto che rappresenta il 25% del pil ed è la prima ricchezza del Paese, in un momento storico straordinario segnato da guerra e da pandemia. 

Le imprese agricole, aggiunge la nota, stanno affrontando un drammatico aumento dei costi, con punte del +250% fra prodotti per l’alimentazione degli animali, fertilizzanti ed energia. Occorre, quindi, lavorare da subito per accordi di filiera tra imprese agricole ed industriali, con precisi obiettivi qualitativi e quantitativi e prezzi equi che non scendano mai sotto i costi di produzione, come prevede la nuova legge di contrasto alle pratiche sleali, conclude la nota di Coldiretti.

In merito alla produzione alimentare, si è espresso Ettore Prandini, presidente di Coldiretti: “Bisogna, dunque, intervenire a sostegno del settore per contenere il caro energia ed i costi di produzione, con interventi immediati per salvare le aziende. Gli sconvolgimenti che la guerra ha portato, hanno evidenziato come produrre cibo e non dipendere dall’estero sia un tema strategico di sicurezza nazionale, per un Paese come l’Italia che deve ancora colmare il pesante deficit produttivo in molti settori importanti. Bisogna anche investire per aumentare produzione e le rese dei terreni con bacini di accumulo delle acque piovane per combattere la siccità, per contrastare seriamente l’invasione della fauna selvatica e per sostenere la ricerca pubblica, con l’innovazione tecnologica a supporto delle produzioni, a tutela della biodiversità e come strumento in risposta ai cambiamenti climatici”, ha concluso Prandini.