Questa ulteriore erogazione straordinari sarà destinata ad iniziative specifiche a sostegno del territorio volte a mitigare i danni provocati da tale catastrofe naturale

LA BCC ravennate, forlivese e imolese è la banca locale e dei territori delle province di Ravenna, Forlì-Cesena e del circondario imolese. L’alluvione ha duramente colpito la Romagna, parte dell’Emilia, e alcuni comuni confinanti della Toscana e delle Marche. La conta dei danni, ancora provvisoria, è stimata in circa 9 miliardi di euro (fonte Il Sole 24 Ore).
La straordinaria e drammatica dimensione del fenomeno è misurata anche da un altro dato: LA BCC ravennate, forlivese e imolese ha operatività in 63 comuni, di cui 60 dichiarati “alluvionati” dal Decreto-Legge 61/2023 “Interventi urgenti per fronteggiare l’emergenza provocata dagli eventi alluvionali verificatisi a partire dal 1° maggio 2023”.

Il nostro territorio, dove risiedono ed operano i nostri Soci e clienti, persone fisiche ed aziende, ha subito un danno eccezionale. Ed eccezionali devono essere le misure per cercare di mitigare i danni e i disagi, per consentire una “ripartenza”, sia a livello personale che professionale della nostra gente.

Ben consapevole di ciò, il Consiglio di Amministrazione della BCC ha deliberato un’ulteriore erogazione straordinaria di 2 milioni di euro a favore degli alluvionati, aggiuntivi ai 2 milioni di euro di beneficenza e sponsorizzazioni a favore del territorio deliberati in sede di approvazione del bilancio di esercizio 2022.

Questa ulteriore erogazione straordinaria di 2 milioni di euro sarà destinata ad iniziative specifiche a sostegno del territorio volte a mitigare i danni provocati da tale catastrofe naturale, in particolare a favore:

  • delle persone più in difficoltà, tramite un’erogazione alle Caritas facenti capo alle 5 Diocesi nella nostra area di competenza;
  • delle cooperatrici e dei cooperatori del nostro territorio che hanno subito ingenti danni, tramite un versamento a favore della raccolta fondi promossa da Confcooperative Romagna;
  • delle imprese del territorio, supportando i progetti promossi dalle Camere di Commercio di Ferrara e Ravenna e della Romagna;
  • delle iniziative segnalate dai sei Comitati Locali della Banca (aree di Faenza, Imola, Lugo, Forlì, Ravenna, Romagna Centro) a favore delle comunità dei nostri territori.

Delle specifiche erogazioni, ai vari enti ed iniziative, verrà data comunicazione nelle prossime settimane.

La Banca ha inoltre deciso di mettere a disposizione della Caritas n. 3 appartamenti siti nel comune di Cotignola al fine di rispondere temporaneamente ad esigenze abitative di nuclei familiari che non possano rientrare a breve nelle proprie abitazioni a seguito dei danni subiti dall’alluvione.

Le filiali della Banca sono a disposizione di Soci e clienti per fornire assistenza finanziaria per le misure già decise il mese scorso, in particolare con il primo plafond di 150 milioni di euro dedicato a sospensione mutui, anticipo liquidità, finanziamenti a tasso agevolato per privati ed imprese, interventi per il settore agricolo.