(foto di repertorio)

Finanziati più di 1200 interventi in cinque settori

Lugo ed il suo comprensorio sono un territorio centrale nella vita economica e sociale del Ravennate ed il rapporto con la Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna è andato di pari passo con l’intensità, la vivacità e l’articolazione della vita della comunità: lo testimoniano in modo evidente gli oltre 1200 interventi per più di sei milioni e mezzo di euro erogati dalla Fondazione nel suo trentennio di vita.

Lugo ha una storia importante, arricchita da personaggi e momenti significativi, dall’epoca estense a Francesco Baracca, ed è un territorio economicamente di grande tradizione, vitalità e solidità. E la Fondazione, immediatamente dopo la sua nascita nel 1992 in attuazione della Legge Amato, dopo oltre un secolo e mezzo di vita della Cassa di Risparmio di Ravenna, eroga contributi al territorio con grande continuità ed attenzione alle esigenze ed alla crescita, alle emergenze sociali purtroppo ricorrenti, ai progetti ed alle istanze di conservazione e valorizzazione del proprio patrimonio.

Sono cinque i settori individuati dalla Fondazione come aree di intervento principale nell’ambito della sua attività istituzionale, finalizzata ad interventi di utilità sociale: l’assistenza agli anziani ed alle categorie disagiate, cui è andata negli ultimi anni soprattutto l’attenzione principale, sia per le drammatiche emergenze che hanno colpito il territorio, ultima delle quali l’alluvione dello scorso maggio, sia per l’aumento delle categorie deboli; l’educazione, l’istruzione e la formazione, incentrati sul sostegno agli istituti scolastici e su progetti specifici; il volontariato, la filantropia e la beneficenza; la salute pubblica; l’arte, l’attività ed i beni culturali in un territorio di tradizione storico culturale di valore.

Il settore Assistenza Anziani e altre categorie disagiate è stato centrale per gli investimenti, soprattutto negli ultimi tempi, con un milione di euro stanziati a Lugo e nel comprensorio. Solo a Lugo sono stati investiti quasi 600 mila euro con interventi importanti per il Progetto Hospice San Domenico e per l’ampliamento dell’ospitalità della Casa San Francesco. Tra i tanti interventi compiuti nei vari Comuni, a Cotignola gli investimenti principali sono stati per l’abbattimento delle barriere architettoniche e per la Casa Protetta; a Conselice per l’acquisto di un automezzo destinato al trasporto dei disabili. Oltre un milione di euro è andato al settore Educazione, istruzione e formazione: in coerenza con la storia e le attività del territorio, contributi rilevanti sono stati assegnati all’Aero Club Francesco Baracca per l’acquisto di un elicottero con funzioni didattiche; incessanti i sostegni all’attività scolastica dei vari istituti, in particolare per l’innovazione tecnologica. A Cotignola sono stati finanziati i laboratori e le dotazioni informatiche, a Sant’Agata sul Santerno un sostegno fondamentale è stato assicurato alla ristrutturazione della Scuola elementare ed all’asilo; a Massa Lombarda la Fondazione ha erogato fondi per gli arredi scolastici e per il Progetto .
Al restauro ed alla valorizzazione dei monumenti storici di Lugo e del comprensorio la Fondazione ha dedicato una attenzione continua: dagli interventi diretti per il recupero della Rocca Estense, con il restauro del Salone Estense e poi dell’ala nobile della Rocca, fino al ripristino del sagrato della Chiesa della Beata Vergine. Il settore include anche gli investimenti nelle stagioni teatrali, liriche, sinfoniche ed artistiche ed arriva così ad oltre due milioni e mezzo di investimenti, includendo anche gli interventi negli altri Comuni. A Bagnara, ad esempio, è stato finanziata la ristrutturazione del Torrioncello Nord-Ovest, a Conselice la ricostruzione del complesso parrocchiale di San Martino Vescovo, a Fusignano il recupero dell’ex Teatro Italia. Un milione di euro è stato investito per sostenere le attività di volontariato, beneficenza e filantropia con una miriade di interventi capillari che hanno reso possibile l’attività di migliaia di persone a beneficio di altre in tutto il territorio.
Dai primissimi interventi fino alle elargizioni più recenti, il rapporto tra la Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna e la comunità di Lugo è molto intenso, costruito su progetti, idee e condivisioni che attraversano tutte le più diverse aree di intervento. Una attività e una sensibilità possibili grazie all’autonomia della Banca, la Cassa di Ravenna, ed al circuito virtuoso con la sua Fondazione: autonomia che consente alla Fondazione di rafforzare annualmente il proprio patrimonio (passato da 99 milioni di euro iniziali agli attuali 174 milioni) e contemporaneamente di investire e decidere in loco gli interventi, potendo vivere ogni giorno i territori, la comunità e le esigenze e aspettative delle persone.