BolognaFiere (Shutterstock.com)

Il presidente del collegio sindacale è Antonio Venturini dello Studio Consulenza di Ravenna

BolognaFiere debutta in Borsa e con lei anche una professionalità ravennate visto che  il presidente del collegio sindacale è  Antonio Venturini dello Studio Consulenza di Ravenna.

Per Gianpiero Calzolari, presidente Bologna Fiere Spa, “La quotazione in Borsa è un progetto ormai di lungo periodo che abbiamo concretizzato con l’ultimo e il penultimo aumento di capitale che abbiamo definito coi nostri soci. Lo scopo di fatto è ovviamente un aumento di capitale, come è normale che sia, ma anche la possibilità di migliorare un po’ la lettura delle nostre performance in un sistema più trasparente ed entrare un po’ nel novero delle più importanti fiere internazionali e italiane che hanno già questo tipo di struttura societaria”.

La quotazione porta in pancia 40 milioni di euro, grazie alla conversione del bond di Informa, principale operatore fieristico a livello internazionale, e l’aumento di capitale per il mercato. “I 40 milioni della raccolta immaginiamo che ci saranno utili per completare il piano di investimenti – ha spiegato Calzolari – da un lato il completamento e ammodernamento del quartiere che è un progetto che noi abbiamo messo in pista ormai da qualche anno e che ha bisogno di essere completato nella sua interezza; e dall’altro lato il potenziamento ulteriore della nostra presenza sia come organizzatori fieristici in Italia sia come organizzatori fieristici all’estero. Diciamo che per noi la caratterizzazione dell’estero è importante”.

Lo sbarco in Borsa è alla base anche degli obiettivi e delle strategie del 2024 di Bologna Fiere. “Gli obiettivi sono obiettivi ambiziosi: noi stiamo crescendo come fatturato, quindi abbiamo intenzione di proseguire questo percorso. Con l’ingresso nella compagine societaria del maggior operatore fieristico al mondo, che sono gli inglesi di Informa, caratterizziamo ulteriormente questo nostro tratto di internazionalità e quindi l’obiettivo è di proseguire a portare parte in Cina, in parte in Stati Uniti, in parte in America del Sud e in Asia i nostri brand più famosi”.

BolognaFiere debutta oggi sul mercato Euronext Growth Milan – Segmento Professionale (EGM-Pro) di Borsa Italiana. Nell’ ambito dell’ operazione di quotazione è stata effettuata una raccolta complessiva pari a 15 milioni attraverso un aumento di capitale in opzione e il successivo collocamento della parte inoptata a un prezzo per azione di 1,25 euro (flottate a quota 32,22%).

Ad oggi, il capitale di BolognaFiere  è pari a 194.811.457 euro suddiviso in 194.811.457 azioni ordinarie prive del valore nominale, come di seguito rappresentato: Comune di Bologna (22,99%); CCIAA Bologna (16,36%); Informa Group Limited (13,46%); Regione Emilia-Romagna (7,62%); Città Metropolitana di Bologna (7,35%); Mercato (32,22%).