Cardinal Ersilio Tonini

Martedì 28 luglio, ore 8, al Duomo di Ravenna

La preoccupazione per la salvezza dell’anima, ereditata da mia madre, si farà sentire anche là, alla fine della vita, e non potrò non esclamare: ‘Com’era vero tutto quello che ho creduto e com’era santo quello che ho sempre amato, e splendido quello che ho sperato. E come valeva la pena stare vigilanti in attesa dell’arrivo da Lui, a volto scoperto’”. E.T.

Il Cardinale Ersilio Tonini

Il Card. Ersilio Tonini, come racconta viene chiamato il 22 novembre del 1975 a reggere l’antica Archidiocesi di Ravenna e la diocesi di Cervia (poi unite il 30 settembre 1986), (proveniente dalla Diocesi di Macerata) è succedendo a Mons. Salvatore Baldassarri. È il 17 dicembre 1975 quando l’Arcivescovo Tonini sale sulla Cattedra di Sant’Apollinare per dare inizio, su esplicita indicazione di Paolo VI, all’opera di riunificazione della Chiesa Ravennate, resa necessaria dai forti contrasti seguiti all’annuncio delle novità conciliari, per ridare fiducia e per incitare tutti a guardare sempre avanti, per riuscire ad accogliere preparati i grandi mutamenti in atto nella società. Con un gesto che colpì profondamente i suoi nuovi concittadini, lascia il suo appartamento nello splendido Palazzo arcivescovile a un nucleo di tossicodipendenti in cerca di salvezza. Si ritira nell’Istituto Santa Teresa del Bambino Gesù, vero cuore della Romagna, fondato da Don Angelo Lolli, dove da allora ha vissuto fino alla morte, a fianco dei malati più gravi che la Provvidenza ha affidato alla carità dei romagnoli. In particolare, sceglie di stare accanto ai bambini cerebrolesi.

Conoscendo bene la sua mentalità aperta di autentico giornalista sempre pronto a cogliere le novità del proprio tempo, Paolo VI lo ha voluto nel 1978 Presidente del Consiglio di Amministrazione della NEI, la società editrice di «Avvenire». Ancora pochi giorni prima della sua morte, Papa Montini gli ha affidato anche i mezzi materiali necessari per rivitalizzare il quotidiano cattolico.

Il Card.Tonini,ha avuto già dal suo arrivo a Ravenna un rapporto di particolare stima per le, ACLI, impegnata nel sociale in una terra difficile a portare il vangelo in ogni luogo, ha visitato i nostri Circoli Acli , il patronato in cui rimarcava la necessità del servizio agli ultimi, ai più bisognosi di assistenza , molti dirigenti delle acli Ravenna erano i suoi volontari che lo accompagnavano nelle trasferte(convegni-dibattiti).

Si deve ancora a Mons. Tonini se il 28 settembre 1978 può riaprire le sue porte il Seminario Ravennate, chiuso nel periodo più buio della contestazione del ruolo stesso del sacerdote nella Chiesa. La riapertura del Seminario è stata in cima ai pensieri dell’Arcivescovo fin dal momento in cui Paolo VI gli comunicò la decisione di affidargli la Chiesa di Ravenna. Poco tempo dopo l’ingresso in diocesi, Mons. Tonini era stato raggiunto da tre sacerdoti gesuiti: “Ci manda il Santo Padre per aiutarla a riaprire il Seminario”. Nel corso del suo Episcopato, ripartendo dal deserto, ha avuto la gioia di conferire l’ordinazione a undici preti.

Nel 1984 s’inaugura il Centro Ravennate di Solidarietà, luogo di accoglienza per tossicodipendenti, che fa parte della Federazione delle Comunità Terapeutiche del Ce.I.S. di don Picchi. Nel 1985, Mons. Tonini rivitalizza e sviluppa il settimanale diocesano «Risveglio 2000», affidato a una cooperativa di laici, e «Ravegnana Radio».

Sempre nel 1984 a seguito dei numerosissimi incidenti stradali mortali sulla statale adriatica Ravenna-Rimini “strage del sabato sera” si recò assieme agli aclisti in diverse discoteche della riviera per sensibilizzare i giovani al rispetto della vita .

Nel maggio 1986 si svolge in Romagna la visita pastorale di Giovanni Paolo II che, guidato dal Metropolita Tonini e accompagnato dal caldissimo affetto dei romagnoli, percorre le diocesi di una terra considerata fino ad allora la patria dell’anticlericalismo italiano. Fu, in realtà, un momento di eccezionale grazia. Come lo stesso Giovanni Paolo II ha più volte confidato a Mons. Tonini. Quella visita ha in effetti segnato il crollo degli ultimi storici steccati tra laici e cattolici in Romagna.

Nel 1987, interviene sulla questione della «domenica festiva» abolita da un contratto di lavoro nel settore tessile, ricordando che simili iniziative distruggono la dignità stessa del lavoro. Solo pochi giorni prima, a marzo, l’Italia intera si era commossa e indignata per la tragedia della «Elisabetta Montanari», la nave incendiatasi nel porto di Ravenna con il suo prezioso carico di tredici vite umane, ed aveva compreso fino in fondo le parole dell’Arcivescovo che condannava la regola del profitto senza limiti nell’economia, causa vera della strage. In quello stesso anno, Mons. Tonini ha fondato a Cervia-Milano Marittima il Centro di accoglienza alla Vita; nel 1988, ha animato la campagna nazionale per la raccolta di fondi per l’acquisto di mucche per gli indios Yanomani della diocesi brasiliana di Roraima. L’iniziativa – «Uma vaca para o Indio» – aveva lo scopo di impedire l’esproprio delle terre degli indigeni. La legge brasiliana prevede infatti che non possano essere tolte agli indios le terre dove pascolano le mandrie. Giovanni Paolo II, informato da Mons. Tonini stesso durante il Sinodo dell’autunno 1987, fu il primo a contribuire generosamente all’iniziativa.

Negli anni del suo episcopato, Mons. Tonini ha dato un forte impulso alla Caritas diocesana invitandola a seguire maggiormente i bisogni emergenti nel territorio ravennate e portando alla creazione dell’AVULSS per il servizio di volontariato alle fasce più emarginate – anziani, handicappati, carcerati -, la Mensa della Fratellanza, il Tribunale dei diritti del Malato, il Gruppo Alcolisti Anonimi, il primo nucleo degli obiettori di coscienza. Tra l’ottobre 1988 e il giugno 1989 regge, come Amministratore Apostolico, la sede di Rimini. Nel 1987, per scelta di Giovanni Paolo II, partecipa al Sinodo dei Vescovi sui Laici. Nel settembre 1990 ha ancora la gioia di accogliere il Santo Padre nell’Archidiocesi di Ravenna, per la visita nel Duomo di San Nicolò di Argenta alla tomba di D. Giovanni Minzoni.

Pochi giorni dopo, il 27 ottobre 1990, il Papa accoglie la rinuncia di Mons. Tonini al governo della Chiesa di S. Apollinare. Il 15 dicembre, in Cattedrale, dopo aver affidato il Pastorale al successore, Mons. Amaducci, Mons. Tonini pronuncia parole che rimangono nel cuore dei ravennati: «Permettetemi di continuare ad amarvi». Da allora, «come il più ubbidiente e riverente dei preti diocesani», prosegue nell’instancabile attività di sempre, insegnando filosofia e teologia alle religiose e ai giovani, predicando gli esercizi spirituali, scrivendo articoli su «Avvenire» e su altri giornali, portando la testimonianza della sua esperienza sacerdotale e della sua saggezza pastorale in tante trasmissioni televisive, per le quali è diventato una delle figure più conosciute e popolari della Chiesa in Italia.

Nel febbraio 1991 viene chiamato dal Santo Padre a predicare gli Esercizi Spirituali per la Curia Romana, sul tema: «La Chiesa della speranza per questo nostro tempo». Nello stesso anno conduce, insieme con Enzo Biagi, la trasmissione televisiva «I dieci Comandamenti», esempio di moderna catechesi che si avvale del mezzo e del linguaggio televisivo. Nel gennaio 1992 torna in Brasile, a Roraima, per partecipare al 1E congresso dei capi tribù Indios. Nel 1994, ancora una volta Giovanni Paolo II lo chiama a partecipare all’Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, e nel novembre dello stesso anno lo crea cardinale. “Nonostante la porpora, mi sento sempre un prete” il suo commento.

L’età non gli ha impedito di proseguire il suo apostolato attraverso i mezzi di comunicazione sociale e il suo impegno missionario. Nell’agosto 1999 si reca in Burundi per consegnare un messaggio del Papa all’Arcivescovo di Gitega con un appello “a metter fine alle violenze superando gli interessi personali “[nel conflitto tra Rwanda e Burundi]. In quella stessa occasione, il card. Tonini inaugura a Songa il nuovo reparto di maternità delle Suore Bene-Tereziya, che egli stesso aveva sostenuto. Sempre in Burundi promuove un’iniziativa con la consegna di migliaia di case a famiglie disagiate, a donne vedove di guerra con tanti figli. Proprio questa sua attenzione ai poveri, ripeteva, è “in nome di Cristo il segno primo e distintivo dell’essere prete”.

Non si contano le trasmissioni televisive e radiofoniche alle quali è intervenuto, sempre in difesa del Vangelo della Chiesa e dei successori di Pietro e degli Apostoli: una scrittrice lo ha definito “il comunicatore di Dio”.

Da Giovanni Paolo II creato e pubblicato Cardinale nel Concistoro del 26 novembre 1994, del Titolo del SS. Redentore a Val Melaina.

Il Cardinale Ersilio Tonini è morto a Ravenna, nell’Istituto Santa Teresa, il 28 luglio 2013, pochi giorni dopo il suo 99.mo compleanno, lucido sino agli ultimi istanti di vita.
Nel testamento, ha voluto destinare quanto gli apparteneva alla comunità ecclesiale dell’Opera Santa Teresa del Bambino Gesù di Ravenna: «Questa è la casa che mi ha accolto al mio arrivo. Ed è qui che ho potuto respirare la felicità di una comunità che mi è stata madre paziente e generosa….» «Mi permetto di ricordare il più delicato, il più santo dei ricordi che porto: è la presenza a Ravenna, presso l’Opera di Santa Teresa (presenza che sa di miracolo), del Reparto bambini cerebrolesi. È lì accanto a loro che ho benedetto il Signore per il miracolo di carità di cui ha goduto la mia anima.»

“Il Signore faccia di me quello che vuole quando vuole“