Offerta dell'olio nella tomba di Dante
VIVA DANTE 700. 699° Annuale della morte: Ravenna e Firenze nelle celebrazioni per Dante. Dono dell’ olio alla tomba di Dante.

Una solenne giornata intrisa di cultura e memoria.

Dopo l’inaugurazione ufficiale del 5 settembre 2020 alla presenza del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, si sono tenute ieri, 13 settembre, le celebrazioni per il 699° anniversario della morte Sommo Poeta (avvenuta nella notte fra il 13 e il 14 settembre 1321) a cura di Comune di Ravenna, Istituzione Biblioteca Classense e Centro Dantesco dei Frati Minori Conventuali

La giornata è cominciata con la messa nella basilica di San Francesco, dove si tennero i funerali di Dante, officiata dal cardinale José Tolentino Calaça de Mendonça, bibliotecario della Biblioteca Apostolica Vaticana.

Alle 10.30, in piazza San Francesco, si è tenuta un’Azione Corale (diretta dai fondatori e direttori artistici del Teatro delle Albe Marco Martinelli e Ermanna Montanari sul Canto II dell’Inferno, con la partecipazione dell’attrice e drammaturga Chiara Lagani e dei cittadini del Cantiere Dante) alla quale è seguita la tradizionale offerta dell’olio per la lampada votiva alla tomba di Dante, da parte del Comune di Firenze, alla presenza di una delegazione di città ‘dantesche’.

Alle 11.45 al teatro Alighieri si è tenuta la lettura di Ermanna Montanari del Canto I del Purgatorio a cui sono seguiti i saluti istituzionali dei Comuni di Ravenna e Firenze e la prolusione dal titolo “Umbriferi Prefazi” del presidente del Comitato dantesco nazionale Carlo Ossola. Al termine della prolusione Paolo Grossi, in rappresentanza del ministero degli Affari esteri, e Marco Martinelli hanno annunciato il progetto “Dante nei cinque continenti” e l’audiolibro sulla Divina Commedia.

Davanti alla tomba di Dante si è poi tenuta la lettura inaugurale del progetto “L’ora che volge il disio”, lettura perpetua della Divina Commedia che nei decenni che porteranno verso l’ottavo centenario raccoglierà nel Museo Dantesco le immagini di grandi protagonisti dell’arte e della società, alternate a quelle di cittadini e cittadine, turisti e turiste, intenti a cimentarsi con l’opera del Sommo Poeta. Le letture sono previste tutti i giorni (ore 18 aprile – ottobre, ore 17 novembre – marzo, escluso il 25 dicembre). Il pubblico sarà ammesso, nel rispetto del distanziamento sociale e dell’utilizzo della mascherina. La lettura sarà trasmessa in diretta streaming su vivadante.it e sulla pagina facebook di Ravenna Cultura

Per concludere nella basilica di San Francesco si è svolta la celebrazione del Dantis poetae transitus, rievocazione del passaggio dalla terra al cielo che i francescani dedicano a Dante, così come accade per San Francesco.