Statua del poeta fiorentino Dante Alighieri (foto da Shutterstock.com)

Mercoledì 4 agosto alle 21 al bagno Luana Beach di Marina di Ravenna

Appuntamento per dopodomani, mercoledì 4 agosto, alle 21, al bagno Luana Beach di Marina di Ravenna col settimo appuntamento della rassegna letteraria “Capit Incontra”. Protagonista della serata, sarà Roberto Casalini, con il suo libro dal titolo “Dante e il suo mondo. La vita, le opere e la Romagna” ed edito da “Il Ponte Vecchio”.

L’evento è organizzato dall’associazione “Amici della Capit Aps Ravenna”, in collaborazione con la Pro Loco Marina di Ravenna e con la “Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna” e coi patrocini dell’assessorato alla cultura del comune di Ravenna e della regione Emilia-Romagna.

Come specificato in una nota, il volume di Roberto Casalini, vuole essere una guida integrale alla lettura di Dante, nel settecentesimo della morte, ricchissima di informazioni e di analisi, in uno stile di trasparente chiarezza.

Il libro dà conto minutamente della vita e delle opere del nostro poeta più grande, in una ricostruzione fondata sulla ininterrotta frequentazione con i testi della “Commedia” e delle opere minori e con la lettura di storici e saggisti, compresi i più recenti e valorosi, prosegue la nota.

L’autore non trascura ampi richiami alla Romagna che abitò nel cuore del poeta con i suoi paesaggi e le sue città, con i suoi briganti e i suoi eroi e con l’esperienza di una ospitalità generosa e magnanima nella Ravenna del suo ultimo rifugio, aggiunge la nota.

Si tratta di una pubblicazione che può aiutare il lettore a riscoprire la grandezza del poeta, in una rivisitazione che ogni volta arricchisce la nostra sensibilità, alimenta l’amore per la poesia e l’etica comunitaria, quella che Dante raccoglie sotto il mito della cortesia e dei costumi che rallegrano la vita (l’amore e l’ardimento, l’amicizia e l’arte), e dunque “Le donne e ‘ cavalier, li affanni e li agi / che ne ‘nvogliava amore e cortesia”, come il grande poeta riassumeva quanto alla Romagna mitica del buon tempo andato, ovvero le strade lungo le quali, ancora oggi, è possibile progredire umanamente, continua la nota.

Roberto Casalini, cesenate, ancora oggi impegnato come consulente editoriale del “Ponte Vecchio”, già insegnante e amministratore pubblico, particolarmente vivace e innovativo nella riorganizzazione e nuova fondazione degli istituti e dei servizi culturali della sua città, è autore di numerose pubblicazioni, tra le quali “Giuseppe Ungaretti storia di una poesia”; “Lezioni di storia della letteratura italiana” e “La poesia. Istituzioni del linguaggio poetico”. Con Andrea Brigliadori ha curato una fortunata antologia dei “Sonetti romagnoli” di Olindo Guerrini  e i due ampi volumi “Voci e volti della Romagna” e “Storia e cronaca di una città”. Inoltre, ha pubblicato due libri fortunatissimi, ossia “Il Passatore. Le imprese brigantesche di Stefano Pelloni nella Romagna ottocentesca” e “Storia di Cesena”. Non ha saputo impedirsi una prova narrativa nei racconti di “Borgo Ombroso. Novelle di una città perduta nel cuore della Romagna”, il libro che ama sopra tutti i suoi altri. Sotto lo pseudonimo di Aristarco sono apparsi tre libri di satira e folclore romagnolo, ininterrottamente in ristampa, conclude la nota.