Un momento della presentazione

Tante le iniziative dedicate ai bambini e agli adolescenti grazie al progetto ideato da LibrAzione, Educare Insieme, Sacra Famiglia e Semi.

Sono i bambini e gli adolescenti i destinatari del progetto Inside Out messo a punto dalle cooperative LibrAzione, Educare Insieme e Sacra Famiglia e dall’associazione Semi. Quattro realtà faentine, unite in un’associazione temporanea di impresa, che hanno unito idee e progetti per offrire risposte di socialità ai più piccoli.

Il progetto, che gode del finanziamento del Bando EduCare della Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento per le Politiche della Famiglia, è stato pensato durante le fasi più dure del lockdown del 2020 al fine di alleviare la difficile situazione, emotiva e socialedi bambini e ragazzi. Gli ideatori hanno orientato la programmazione seguendo 4 linee di intervento -cittadinanza attiva, non-discriminazione, piena partecipazione attraverso l’educazione tra pari e promozione di stili di vita sani -,  cercando di favorire nuovi metodi educativi, come l’outdoor education. “Durante la costruzione del progetto abbiamo cercato di coinvolgere diverse realtà del territorio per poter essere il più possibili capillari e versatili – spiega Doriana Togni, vicepresidente di LibrAzione -. Accanto a noi 4 ideatori ci sono l’Unione dei Comuni e l’Asp della Romagna Faentina, gli Istituti comprensivi della città per un totale di 10 scuole coinvolte e l’Università di Bologna. Il ruolo di quest’ultima è molto importante, perché ci aiuta a dare continuità a Inside Out, accompagnando tutti i partner nella definizione di un modello educativo replicabile in futuro anche in altri contesti”.

Inside Out è composto da una parte più laboratoriale, con iniziative, eventi e workshop dedicati ai bambini e ai ragazzi, e una parte più teorica dedicata invece a insegnanti ed educatori. Le attività sono già iniziate e andranno avanti fino al mese di marzo, quando è prevista la fine del progetto. “Noi, insieme a tutti i partner di Inside Out stiamo però lavorando per proseguire con quanto ideato e messo in rete, continuando a proporre l’approccio dell’outdoor education in ogni contesto, dalle famiglie alle scuole e alle associazioni del territorio – continua Togni -. L’obiettivo è quello di proseguire a lavorare insieme, rafforzando le sinergie nate in questi mesi e proponendo sempre nuove idee con l’obiettivo di promuovere il benessere dell’infanzia e dell’adolescenza”.