Si accendono i fuochi magici in Romagna.  Giovedì 3 marzo, pomeriggio dedicato alla xilogafia

“Biodiversità nelle Terre di Romagna” è il tema conduttore della 22° edizione di Lom a Merz organizzata dall’Associazione “Il lavoro dei contadini APS”. Nel programma delle iniziative sono inseriti anche l’incontro a la mostra dal titolo “XILOGRAFIA: L’incontro tra due grandi tradizioni: la stampa su tela e la stampa su carta”.

L’ incontro è programmato per giovedì 3 marzo alle ore 18.00 presso la Sala Bigari del Comune di Faenza, con il contributo di Lea Gardi (Presidente de Il Lavoro dei Contadini), Enrico Versari (Docente ISIA Faenza e Artista), Egidio Miserocchi (Architetto e Stampatore), Pietro Lenzini(Già Docente accademia Belle Arti di Bologna e Artista), Maria Agata Amato, Docente Accademia Belle Arti Bologna e di Massimo Isola (Sindaco Faenza).

Successivamente all’incontro, alle 19.00, è in programma l’ inaugurazione della Mostra presso la Galleria d’Arte Molinella a Faenza (mostra aperta al pubblico dal 4 al 14 marzo dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 15.00 alle 19.30) dove saranno esposte nuove e antiche matrici di legno, strumenti di lavoro, ma anche opere finite come tele stampate della tradizione Romagnola e una selezione di xilografie su carta realizzate dai grandi artisti romagnoli del Novecento.

Una sezione straordinariaè stata riservata agli studenti del corso di incisione dell’ Accademia di Belle Arti di Bologna, che in collaborazione con lo stampatore su tele Egidio Miserocchi, Carta Bianca Editore e “Il Lavoro dei Contadini”, hanno realizzato, in occasione dei festeggiamenti artusiani del 2021, opere su carta e su tela ispirati dal tema “Il bello e il buono della tavola”.

In occasione dell’ inaugurazione, sarà presentato il Catalogo delle Mostra, realizzato da Carta Bianca Editore – Faenza.