La serata è stata l’occasione per premiare alcuni Soci

Si è svolta, nella splendida cornice del Salone dei Mosaici di Ravenna, la XXIII Charter Night del Lions Club Ravenna Romagna Padusa, presieduto per l’anno in corso, da Lorenzo Frisenda.

Numerose le autorità civili e lionistiche presenti, tra cui il Governatore del Distretto 108 A, Franco Saporetti.

Il Presidente Frisenda, nel discorso di apertura, ha ricordato i service che sono stato fatti durante l’anno ed ha illustrato quelli che sono in corso di attuazione, tra cui la donazione del diciassettesimo cane guida ad un non vedente, che verrà ufficialmente consegnato in occasione della tradizionale Festa delle Ciliegie, che il L.C. Ravenna Romagna Padusa organizza la prima domenica di giugno di ogni anno.

Nel corso della serata, c’è stata la presentazione di un nuovo Socio, Stefano Giuliani, presentato Andrea Franchi. Giuliani, imprenditore ravennate, prestando il giuramento, è entrato a far parte della più grande organizzazione di club di assistenza del mondo, che conta 1,4 milioni di soci in oltre 47.000 club sparsi per il mondo.

La serata è stata l’occasione per premiare alcuni Soci per l’impegno profuso nel raggiungimento degli scopi dell’Associazione e per conferire la più alta onorificenza Lionistica, la Melvin Jones Fellow, a diverse personalità che si sono particolarmente distinte in ambito culturale e sociale: Emanuela Fiori, Direttrice del Museo Nazionale di Ravenna, Patrizia Ravagli, Presidente della Biblioteca Classense, Pamela Zingale, Presidente dell’Associazione Il Sorriso di Giada, Laura Borghesi, in memoria di Rosario Frisenda, e Marco Ronchi, Socio del Ravenna Romagna Padusa.