L'edizione passata delle celebrazioni in ricordo di Anita Garibaldi alla fattoria Guiccioli

Alla fattoria Guiccioli di Mandriole, alle 17, dopo i saluti e i ringraziamenti ai presenti, spazio alla deposizione di una corona, a un tributo florale, a un’ammaina bandiera, e alla visione di un film

Venerdì 4 agosto, alla fattoria Guiccioli di Mandriole, alle 17, sono in programma le annuali celebrazioni in ricordo della morte di Anita Garibaldi. L’evento comincerà con l’introduzione di Lorenzo Cottignoli, presidente di “Federazione delle cooperative della provincia di Ravenna”, e da Eugenio Fusignani, vicesindaco di Ravenna e presidente della fondazione “Ravenna Risorgimento”.

Dopo i rituali saluti e dopo i ringraziamenti a tutti gli ospiti presenti, saranno in programma, prima, la rituale deposizione della corona al monumento di Anita, opera di Gianantonio Bucci, scultore; poi, il tributo floreale nella stanza dove la moglie di Garibaldi spirò; infine, l’ammaina bandiera con la banda musicale città di Ravenna e col gruppo storico dei garibaldini. 

Quest’anno, le celebrazioni si arricchiscono con la proiezione del film dal titolo “La versione di Anita”, di Luca Criscenti, alle 21, che sarà introdotto da Raffaella Ponte, presidente nazionale dell’associazione “Veterani e reduci garibaldini”, e da Roberto Balzani, docente di storia contemporanea dell’università di Bologna. La fondazione “Ravenna Risorgimento” sarà rappresentata da Fulvia Missiroli, professoressa che, da anni, dedica studi e ricerche al ruolo delle donne nel Risorgimento italiano. Roberto Balzani, tra l’altro, figura anche fra gli interpreti del film, che alterna parti di fiction ad interventi di storici come, appunto, Roberto Balzani, Silvia Cavicchioli e Maurizio Maggiani. Insieme a loro, alcuni storici brasiliani si alternano a Marino Sinibaldi e ad Annita Garibaldi Jallet, discendente di Anita Garibaldi e di Giuseppe Garibaldi. Fra gli interpreti del film da segnalare sia Flaminia Cuzzoli, la protagonista, una magistrale ed efficace Anita, che Lorenzo Lavia, nel ruolo di Giuseppe Garibaldi. Infine, primo dell’inizio della proiezione del film, è possibile cenare nell’aia della fattoria Guiccioli di Mandriole.