MAR - Museo d’Arte della Città di Ravenna in via di Roma
MAR - Museo d’Arte della Città di Ravenna

Fino a domenica 2 giugno la mostra di Salgado, sabato 25 maggio laboratori per bambini e adulti

Fino a domenica 2 giugno, al Mar, il museo d’arte della città di Ravenna, è in programma la mostra di Sebastião Salgado dal titolo “Exodus-Umanità in cammino”, inserita nel festival delle culture di Ravenna. Per approfondire i temi dell’esposizione, poi, la sezione didattica del Mar, il sabato e la domenica, alle 16.30, ha previsto una serie di visite guidate rivolte al pubblico adulto, con prenotazione obbligatoria telefonando allo 0544 482477. Nella giornata di oggi, sabato 25 maggio, invece, alle 16, è in calendario un appuntamento, anch’esso su prenotazione, telefonando allo 0544 482477, rivolto ai bambini dagli otto anni in su e alle loro famiglie. Dopo una visita all’esposizione, si prosegue in laboratorio, con un’analisi di alcune foto di Salgado, di cui verranno esaminati i sentimenti che suscitano, per trasferire, poi, le sensazioni percepite in disegno.

Oltre alle collezioni del Mar e alla mostra, fino a domenica 2 giugno, è in programma “Disegnare il mosaico. La collezione dei cartoni della famiglia Signorini”, esposizione a cura di Giovanni Gardini che raccoglie molti cartoni per il mosaico realizzati da Renato Signorini e dalla sua bottega, parte dell’archivio che gli eredi hanno generosamente voluto donare all’accademia statale di belle arti di Ravenna, di cui Signorini è stato prima allievo, poi docente, infine, dal 1934 al 1976, direttore della scuola del mosaico.

Durante questo weekend e nei giorni successivi, invece, il museo d’arte della città di Ravenna presenta varie iniziative, organizzate in collaborazione con “Il teatro del drago”, il conservatorio “Verdi” di Ravenna e il Ravenna festival e di seguito elencate:

  • sabato 25 maggio, alle 16.30 e alle 17, e domenica 26 maggio, alle 10, alle 11, alle 12, alle 15 e alle 16, nella project room del piano terra del Mar, è in programma il “Festival internazionale dei burattini e delle figure. Arrivano dal mare!”, con “La radice dell’ombra-Omaggio a piante e animali”, performance e laboratorio interattivo, a pagamento e consigliato a un pubblico adulto, una produzione “Pianpicollo research residency 2023-Fondazione Pianpicollo selvatico ets” a cura di “Le strologhe”. Si tratta di un’immersione tra ombre di animali selvatici e domestici, proiettate dalle loro sagome in luce, realizzate in cartone e in materiali naturali, come totem degli stessi viventi. Quadri di elementi vegetali, dettagli di piante, che in ombra mostrano il loro potenziale narrativo. In questo viaggio, il pubblico è protagonista, essendo affidato a lui il piacere di animare le sagome degli animali, di farli correre, di dare loro la vita muovendo le luci a disposizione e, così, animando le loro ombre. Alle artiste, invece, è affidato il compito di accompagnare l’esperienza visiva con la musica e col canto dal vivo, cercando di comporre un paesaggio sonoro in relazione. Il lavoro proposto è nato durante la residenza di ricerca dell’artista a Pianpicollo selvatico, un luogo naturale nell’alta Langa. Uno spazio naturale popolato da molti animali e da molte piante che, con lo scorrere delle stagioni, l’artista ha conosciuto e ha vissuto seguendo la sua pratica di presenza, di ascolto e di attenzione, per riscoprire la relazione profonda col vivente e per sentirsi “essere tra esseri, testimone della vita che scorre”
  • domenica 26 maggio, alle 15.30, nel percorso di visita della mostra intitolata “Exodus: echi dal mondo III”, è in calendario “L’ensemble 20.21”, a cura del conservatorio statale “Verdi” di Ravenna, che eseguirà un programma di vari brani
  • martedì 28 maggio, alle 21.30, il Mar comincerà la collaborazione col Ravenna festival, organizzando un concerto, con protagonista Michele Campanella, pianista, e il quartetto “Indaco”, che eseguiranno musiche di Franz Schubert e di Giuseppe Martucci. Nato in seno a quella straordinaria fucina di talenti che è la scuola di musica di Fiesole, dal 2007, il quartetto ha raggiunto traguardi di prestigio, tra cui, nel 2023, la medaglia d’oro al concorso internazionale di Osaka (tra l’altro primo quartetto d’archi italiano vincitore assoluto in una competizione di questa importanza). Insieme a Campanella, napoletano di spirito, di famiglia e di scuola, come si auto-definisce, ancora in cerca del “suono” dopo cinquant’anni di carriera, propongono un percorso tutt’altro che scontato. Dall’ultimo tormentato “Quartetto” di Schubert, una complessa riflessione sulla grande forma, fino al “Quintetto” con cui il giovane Martucci, tra i pochi italiani a guardare oltre il melodramma, nel 1877, si affermò primo nel concorso della “Società del quartetto” di Milano. Per quanto riguarda i biglietti, validi per un posto unico non numerato, l’intero costa 25€; mentre, il ticket ridotto, costa 22€. Per maggiori informazioni è necessario o inviare una mail all’indirizzo tickets@ravennafestival.org, oppure telefonare allo 0544 249244

Infine, per quanto riguarda le aperture straordinarie del museo bizantino, venerdì 31 maggio rimarrà aperto dalle 9 alle 23; sabato 1 giugno sarà aperto dalle 9 alle 20; mentre, domenica 2 giugno, sarà visitabile dalle 10 alle 20.