Giardini Speyer (foto di repertorio)

Ai giardini Speyer di Ravenna, alle 21.15, la pellicola diretta da Blankevoort e da van Driel anticipata da assaggi di cucina e da storie del Senegal

Martedì 25 giugno, “CineSpeyer”, rassegna cinematografica gratuita in programma a Ravenna, propone “Shadow game”, film di Eefje Blankevoort e di Els van Driel. La pellicola, un documentario riguardante le migrazioni sulla rotta balcanica proposto dalla cooperativa “Cidas”, dal consorzio “Solco” e dall’associazione “Teranga”, sarà proiettata ai giardini Speyer della città bizantina, alle 21.15. Alle 20, invece, sono in calendario alcuni assaggi di cucina senegalese e delle storie dallo stesso Paese africano, a cura di “Global solidarietà aps”.

Per quanto riguarda “Shadow game”, narra un viaggio attraverso il lato oscuro dell’Europa, con rifugiati adolescenti come guide. Adolescenti di tutti i giorni, fuggiti dai loro Paesi in guerra, che cercano di attraversare i confini europei in cerca di protezione e di una vita migliore. Viaggiano in un mondo di ombre che non si vede mai, un mondo di campi minati, di orsi, di fiumi che scorrono veloci, di contrabbandieri e di guardie di frontiera. Il “gioco” è il termine amaramente ironico per indicare l’attraversamento delle frontiere, che è diventato comune tra questi giovani rifugiati. Rischiando la vita, gli adolescenti intraprendono un viaggio insidioso che, spesso, dura o mesi oppure, addirittura, anni. Lungo il percorso, crescono velocemente. Il film, tra l’altro, è stato girato nell’arco di tre anni, in parte dagli stessi protagonisti coi loro telefoni. 

Di seguito, una breve descrizione della cooperativa “Cidas”, del consorzio “Solco”, della cooperativa “Teranga” e di “Global solidarietà”, protagonisti dell’appuntamento della terza edizione della rassegna “CineSpeyer”, promossa da CittAttiva e da “Villaggio globale cooperativa sociale”, nell’ambito del festival delle culture, e col contributo di Romagna acque:

  • cooperativa “Cidas”, ha raggiunto una posizione professionale radicata nei settori dedicati alla cura e all’assistenza delle persone anziane, delle persone con disabilità e dei minori, e all’accoglienza e all’integrazione dei migranti. Inoltre, fornisce trasporto sanitario e si occupa di mediazione sociale e di inclusione lavorativa
  • consorzio “Solco”, consorzio di cooperative sociali che persegue l’interesse generale della comunità alla promozione umana e all’integrazione sociale, gestendo servizi alla persona e servizi per l’inserimento lavorativo delle fasce deboli
  • cooperativa Teranga, ha l’obiettivo di rispondere, in maniera concreta, alle esigenze del settore dell’accoglienza dei richiedenti protezione internazionale sul territorio. Gestisce alcuni “Cas”, i “Centri di accoglienza straordinaria”, nella provincia ravennate e organizza iniziative di supporto e di accompagnamento della popolazione straniera in Italia, così da garantire una migliore integrazione tra la comunità straniera e la popolazione locale
  • “Global solidarietà”, associazione fondata nel 2004 da un gruppo di migranti senegalesi residenti da tempo nel ravennate, con lo scopo di dare un supporto e di accompagnare i connazionali, o appena arrivati o in difficoltà, alla buona riuscita delle pratiche amministrative