Per il candidato sindaco si dovrà aspettare ancora qualche giorno. Diversi i profili disponibili da vagliare

Doveva essere la serata di presentazione del candidato sindaco di Faenza per conto della Lega, quella che venerdì 27 giugno ha portato 400 ospiti a cena attorno alla piscina di Casa Spadoni,, ma così non è stato. Negli ultimi giorni si era accostato il nome di un noto giornalista faentino alla candidatura a sindaco, ma al momento si è ridotto il tutto a un nulla di fatto. Anche Matteo Salvini al suo arrivo ha glissato sull’argomento che sta facendo discutere tutta Faenza in questi giorni, e parlando con la stampa si è limitato ad un “Abbiamo molti nomi sui quali possiamo fare affidamento per l’incarico di candidato sindaco, per dare a Faenza un opportunità di cambiamento, dobbiamo valutare ancora bene su chi puntare”. Sembra che il pomeriggio di venerdì sia stato oggetto di un lungo confronto di vertice fra le due anime interne alla Lega, nell’intento di arrivare alla decisione finale sul candidato, che purtroppo non c’è stata. Potrebbe essere proprio Matteo Salvini a dover mettere d’accordo tutti quanti sul nome su cui puntare. “Fortunatamente abbiamo problema di abbondanza – riprende Salvini -, c’è più di una disponibilità e quindi vedremo di fare la scelta migliore per affrontare queste amministrative. In questo momento occorre scegliere persone e squadre concrete, non chiediamo per forza la tessera di partito, quindi se ci sono personalità nel mondo delle professioni o del lavoro che si mettono a disposizione anche su liste civiche sono benvenute”. Un giornalista gli fa notare che anche la polveriera Imola andrà a elezioni, pronta e immediata la replica di Salvini: “Ovunque cerchiamo di offrire possibilità di cambiamento, lo faremo anche per Imola. Ho visto i dati di tantissime città della Romagna, devo dire che sono molto orgoglioso della buona amministrazione di Forlì e non solo, i cittadini stanno toccando con mano il buon governo della Lega e penso – conclude Salvini – che sia Imola che Faenza possano essere due tappe importanti del nostro cammino”.