L’assessore comunale a Urbanistica, Edilizia privata e Protezione civile, Valentina Ancarani, ha rassegnato le proprie dimissioni

Si tratta di una decisione spiega Valentina Ancarani che prendo consapevole di averci messo il massimo impegno e in condivisione con il sindaco che mi ha chiesto un passo indietro, necessario per rinnovare e rilanciare l’azione amministrativa.  Quelli passati nella giunta di Lugo sono stati anni meravigliosi e vissuti con passione e dedizione per Lugo e i lughesi. Proprio per amore della mia città, che per me viene al primo posto, e per permettere l’attuarsi di un progetto di rilancio rimetto il mio mandato e le deleghe. Ringrazio il sindaco per la fiducia che mi ha sempre dato in questi anni e tutti gli assessori, con cui non è mai mancata collaborazione e disponibilità nel lavoro svolto insieme, i dipendenti del Comune e dell’Unione e anche i tanti cittadini incontrati in questa esperienza. Proprio per correttezza verso di loro ho ritenuto opportuno prendere questa decisione. Lascio la giunta con la consapevolezza di aver fatto il massimo per la mia città e la comunità di Lugo, a cui sarò per sempre legata.

Ringrazio Valentina per il lavoro messo in campo in questi anni in giunta aggiunge il sindaco Davide Ranalli –. Ci legano a Valentina tanti progetti seguiti insieme fin dallo scorso mandato, un percorso compiuto insieme che ricordo con piacere. Le faccio i miei personali auguri e da parte di tutta la giunta per il suo futuro. Viviamo da ormai un anno un’emergenza sanitaria che ha avuto effetti drammatici anche per l’economia e le imprese. Proprio per questo, per dare un segnale al mondo dell’imprenditoria in questa fase complicata e difficile, ho chiesto di entrare a far parte della giunta comunale a Luciano Tarozzi, che ha accettato la mia proposta. Sarà operativo dal primo maggio e a lui sarà affidata la delega alle Attività produttive, mentre assumerò io le deleghe finora assegnate a Valentina Ancarani. Ritengo Luciano la persona giusta, vista anche la grande esperienza vissuta in Confartigianato e nel mondo dell’imprenditoria, per ricoprire un incarico come questo, che è assolutamente fondamentale per rilanciare la nostra città e le sue imprese”.