Ieri, lunedì 7 giugno, al Darsenale di Ravenna la conferenza stampa

Lunedì 7 giugno al Darsenale di Ravenna è stata annunciata una nuova lista civica candidata alle elezioni comunali della città, che si terranno il prossimo autunno.

Si tratta di Voci Protagoniste, una lista a sostegno della rinnovata candidatura a sindaco di Michele de Pascale, nata dall’idea di Ilario Salvemini e portata avanti insieme ad altrə giovani ravennatə.

Nel corso della conferenza stampa sono stati esposti i motivi che hanno portato alla nascita della lista civica e della successiva collaborazione con de Pascale.

Si è avuta l’occasione di approfondire le motivazioni alla base della scelta del nome, del logo e del claim: tutti gli elementi nei quali si concretizzano gli ideali e i valori di Voci Protagoniste.

Successivamente, è stato dato spazio alla presentazione di 4 cadidatə che hanno raccontato se stessə e spiegato cosa li ha spintə a intraprendere questa esperienza.

Come è emerso dalle dichiarazioni dellə canditə presenti, «l’intento della lista è quello di concedere spazio sociale e politico a chi finora non ha avuto l’occasione di diventare parte attiva della cittadinanza. Con questa lista, particolare rilevanza è attribuita alle idee dellə giovani cittadinə troppo spesso non considerate, intese invece come un importantissimo punto di vista da tenere in considerazione per l’evolversi della nostra città».

Voci Protagoniste si pone come punto di riferimento per chi, in questi anni, non si è sentitə rappresentatə dall’amministrazione locale e dai partiti esistenti, presentandosi come una lista che guarda al futuro di Ravenna con un occhio critico e consapevole, interessata a esprimere appieno tutto il potenziale della città.

Hanno partecipato all’evento il sindaco Michele de Pascale, il capolista di Voci Protagoniste Ilario Salvemini e lə candidatə Giada Bona, Francesco Miserocchi, Francesco Vuocolo, Letizia Belli.

Comunicazione visiva

Il nome “Voci Protagoniste” è stato scelto per evocare una pluralità di idee a cui si desidera concedere spazio sociale e politico per esprimersi. Questo insieme di voci racchiude tutte le persone che, nonostante le diversità, si riconoscono e sono unite dagli stessi ideali. Sono le voci che sono state fino ad ora sentite ma non ascoltate, voci non comprese che finalmente diventano protagoniste. 

Questa idea si materializza nel logo della lista, di cui protagonista è il simbolo del megafono, utilizzato per amplificare il grido di tutte quelle voci rimaste a lungo silenti. Un mezzo che non promuove la protesta ma favorisce dialoghi ricchi di ideali e valori. Uno strumento senza fili che nessuno può spegnere, così come non possono essere spente le voci protagoniste.

Dal punto di vista cromatico,il logo nasce dall’incontro della vitalità del rosa e la vivacità dell’azzurro: due colori che rappresentano gli estremi delle tante e diverse sfumature racchiuse in un unico mondo.

Il claim

Pensa. Condividi. Amplifica. è il claim scelto per rappresentare Voci Protagoniste.
Tre azioni che racchiudono le tappe principali di un percorso prima individuale e poi collettivo verso la realizzazione di un cambiamento sociale e politico.

Pensare: è ciò che ci permette di approfondire noi stessə e di interrogarci su ciò che ci circonda, sviluppando idee, valori e obiettivi. In Voci Protagoniste pensare significa aprirsi a nuovi orizzonti che favoriscono una crescita personale. Da questa apertura deriva una realtà priva di pregiudizi in cui la libertà di espressione è protagonista. 

Condividere: si tratta di un termine con triplice significato. In primis, indica la possibilità di esternare i propri pensieri affinché raggiungano la collettività. Inoltre, così facendo si ha l’opportunità di confrontarsi con le idee altrui, scoprendo di non essere solə. Infine, tramite l’utilizzo dei social media è possibile compartecipare e sentirsi parte di una grande comunità, partecipando attivamente alla costruzione di una realtà aperta, inclusiva e dinamica.

Amplificare: è l’ultima tappa nella quale le idee di Voci Protagoniste risuonano e si realizzano, ottenendo lo spazio sociale e politico che meritano. Ecco perché il megafono nel logo simboleggia lo strumento conclusivo di questo percorso di crescita consapevole.