Alberto Ancarani, candidato sindaco per Forza Italia (foto di repertorio)

L’intervento del candidato sindaco di Forza Italia

“Era il I° Ottobre 2019 quando il Comune di Ravenna dovette chiudere un tratto di via Antico Squero a causa dell’invasione della sede stradale di macerie provenienti da una prospiciente proprietà privata – afferma Alberto Ancarani (Forza Italia) – Siamo dunque al secondo anniversario di un evento la cui soluzione non si è ancora vista.

L’unica cosa che è accaduta nel frattempo è stata la riapertura di un piccolo tratto a pedoni, ciclisti e runners, senza che la parte importante della carreggiata venisse restituita ai cittadini.
L’amministrazione che si riempie la bocca con la scuola pubblica e la sanità pubblica – continua Ancarani – ha dunque di fatto reso privata quella che era una strada pubblica essendo divenuta di fatto alla mercè delle volontà dei proprietari dell’immobile pericolante ad essa adiacente – sostiene il candidato sindaco di Forza Italia -. La legge vigente infatti prevede che in caso di proprietari che non curino gli immobili in loro possesso intervenga l’ente pubblico per la messa in sicurezza rivalendosi successivamente su di essi, ma il comune fin qui ha preferito non agire – sostiene Ancarani -. La vicenda Antico Squero è emblematica di come non si governa un territorio, e che l’anniversario di quel problema arrivi proprio nell’ultimo giorno di campagna elettorale appare una specie di segno del destino per un’amministrazione incapace di gestire persino una così semplice attività” conclude Alberto Ancarani, candidato sindaco di Forza Italia.