Seduta di insediamento del nuovo Consiglio provinciale di Ravenna

De Pascale: “Oggi, a causa del particolare momento che stiamo vivendo, c’è la necessità di una piena e assoluta operatività della Provincia di Ravenna”

Si è svolta questa mattina la seduta di insediamento del nuovo Consiglio provinciale di Ravenna, dopo le consultazioni elettorali di secondo grado del 18 dicembre. La riunione si è aperta con la convalida degli eletti alla carica di presidente della Provincia e di consiglieri provinciali (10 consiglieri per la lista “Insieme per la Provincia”: Valentina Palli, Nicola Pasi, Maria Luisa Martinez, Giovanni Grandu, Francesca Impellizzeri, Riccardo Francone, Giancarlo Schiano, Gianmarco Rossato, Andrea Vasi, Fiorenza Campidelli; 2 consiglieri per la lista “Ravenna per la Romagna”: Stefano Bertozzi, Enea Puntiroli).

“La Provincia è un ente con una storia importante che per molti decenni ha rappresentato la sede principale di pianificazione sociale e di sviluppo – ha dichiarato in apertura di seduta Michele de Pascale, riconfermato alla guida della Provincia e presidente dell’Upi. – In seguito ha attraversato anni complessi e difficili collegati al tentativo, naufragato, di riforma costituzionale, ma negli ultimi 5 anni ha riacquistato competenze e capacità di investimento, con un ruolo importante durante la pandemia, in quanto tavolo e sede di coordinamento dei Comuni.

Oggi, a causa del particolare momento che stiamo vivendo, c’è la necessità di una piena e assoluta operatività della Provincia di Ravenna. Sono stati infatti emessi dal Ministero diversi avvisi riguardanti l’edilizia scolastica e anche la Regione Emilia-Romagna sta avviando un percorso verso la destinazione di Fondi di sviluppo e coesione, che potranno riguardare anche le infrastrutture stradali. Inoltre sono in uscita bandi sulla ciclabilità e sulle aree di parco, quindi era assolutamente necessaria la piena e immediata operatività dell’ente. Per questo nei giorni scorsi ho lavorato per poter attribuire, già in questa prima seduta, le deleghe ai consiglieri. Ho deciso di coinvolgere molti di loro sia su funzioni proprie delle Province sia su altre tematiche che nel corso degli anni abbiamo strutturato o sulle quali i Comuni ci hanno richiesto di svolgere funzioni di coordinamento, ci saranno quindi anche deleghe a seguire progetti specifici o a rappresentare l’ente in seno a consessi dove dobbiamo essere rappresentati. In questo consiglio provinciale chiaramente c’è un rapporto di maggioranza e minoranza, ma ci sarà la massima volontà di coinvolgere le minoranze nelle scelte e nell’accettare suggerimenti e proposte per avere uno sguardo ancora più capillare su tutto il territorio”.

Di seguito le assegnazioni delle deleghe:

Michele de Pascale – Presidente con deleghe a Pianificazione Strategica, Sviluppo Economico e Sociale, Turismo – Destinazione Romagna

Valentina Palli – Vicepresidente con deleghe a Bilancio, Partecipate, Personale, Affari Generali e Affari Legali

Nicola Pasi – Consigliere con deleghe a Strade, Trasporti, Mobilità, Pianificazione Territoriale, Ambiente

Maria Luisa Martinez – Consigliera con deleghe a Istruzione, Edilizia Scolastica, Patrimonio

Giovanni Grandu – Consigliere con deleghe a Sicurezza, Polizia Provinciale, Agricoltura, Caccia e Pesca

Francesca Impellizzeri – Consigliera con deleghe alle pari opportunità e al controllo dei fenomeni discriminatori in ambito occupazionale

Riccardo Francone – Consigliere con deleghe a Cultura, Rete bibliotecaria della Romagna, Università e AFAM

Giancarlo Schiano – Consigliere con deleghe a Politiche Giovanili

Gianmarco Rossato – Consigliere con delega alla Transizione digitale

Andrea Vasi – Delegato a componente del Comitato Esecutivo del Parco del Delta del Po

Fiorenza Campidelli – Consigliera con deleghe al Volontariato e Associazionismo e all’Assemblea di ACER Ravenna

Al di fuori del Consiglio provinciale sono state inoltre confermate le nomine di Davide Ranalli e Alfonso Nicolardi: il primo sarà delegato all’Ufficio di Presidenza della CTSS della Romagna, al secondo spetterà la delega a componente del CE del Parco della Vena dei Gessi.