Maurizio Nati

Attualmente vicesindaco, guiderà la lista “Centro-sinistra Uniti per Casola”

Maurizio Nati sarà il candidato sindaco alle prossime elezioni amministrative di giugno per la lista “Centro-sinistra Uniti per Casola”.

Nati, attualmente vicesindaco, è da sempre attivo per la crescita e lo sviluppo del paese e nei lunghi anni di servizio  ha ricoperto numerosi ruoli partendo dal volontariato per arrivare ad essere assessore e vicesindaco nelle ultime giunte che hanno guidato Casola Valsenio.

Il suo ruolo di assessore ai Lavori Pubblici lo ha visto affrontare con impegno e capacità  quella che è stata la sfida più grande per il paese di Casola che, a seguito degli eventi alluvionali del maggio scorso, si trovava con 90 km di strade interrotte e 120 persone isolate, vivendo una situazione di prima emergenza che si è protratta sino a luglio dello stesso anno.

«I lavori di ripristino del territorio – ha detto Maurizio Nati – non sono ancora conclusi e la mia priorità sarà quella di affrontare la delicata fase di ricostruzione relazionandomi costantemente con la struttura commissariale affinché nessuno in paese debba più essere isolato. Oltre alla sfida della ricostruzione c’è sicuramente quella dello sviluppo e del lavoro. Intendo affrontare con determinazione la questione della cava di Monte Tondo e contemporaneamente riportare il turismo ad essere un motore per l’economia del nostro territorio.

Accetto questa sfida con consapevolezza e determinazione per il grande amore che ho verso Casola Valsenio e i casolani che meritano di avere una amministrazione consapevole dei problemi che caratterizzano il territorio e pronta ad affrontarli. Per questo credo fortemente nel valore della squadra con cui mi presento, fatta di persone che hanno un vissuto concreto nelle varie realtà del paese e che in gran parte sono state parte attiva nella gestione della comunità durante gli eventi del maggio scorso. Nonostante il mio impegno nell’attività amministrativa non sia nuovo, la scelta è stata sofferta proprio per le complessità che ben conosco e  mi sento molto emozionato e grato per la fiducia che il centro sinistra ha riposto su di me.»