(Shutterstock.com)
(Foto Shutterstock.com)

FP CGIL-CISL FP-UIL FPL: “Andremo avanti fino a quando non arriveranno risposte concrete”

“Bene le risorse per la campagna vaccinale, arrivate dal governo e, dalle dichiarazioni dell’assessore Donini, in via di assegnazione alle aziende, ma ciò che serve sono risposte strutturali per il salario delle donne e degli uomini che lavorano nelle aziende, le colonne portanti del nostro SSR”. Così in una nota congiunta FP CGIL-CISL FP-UIL FPL confermano la mobilitazione in corso nella sanità emiliano-romagnola.

“Serve un impegno – proseguono i Sindacati – a superare vincoli di spesa assurdi che rischiano di penalizzare chi lavora e chi assume per migliorare i servizi come nel caso della nostra Regione. Le assunzioni sono irrinunciabili, lo erano prima della pandemia, visti gli anni di blocco del turnover, e lo sono ancor di più in questo momento per garantire tutti i percorsi assistenziali alla cittadinanza, ma ribadiamo con forza che se non si superano questi assurdi limiti di spesa imposti dal ministero dell’economia e della finanza e non c’è un forte investimento di risorse sui fondi della contrattazione delle aziende del SSR gli stipendi subiranno un inevitabile calo. Alcune aziende hanno già proposto il calo della produttività alcune anche la sospensione del pagamento dell’indennità di malattie infettive di chi sta a diretto contatto con pazienti Covid+ e altre aziende si sono inventate soluzioni che fanno slittare il pagamento della produttività in funzione dell’anzianità di servizio”.

“Questo per noi è inaccettabile – conclude la nota -, al contrario bisogna rilanciare i percorsi di valorizzazione delle competenze delle quali tutti noi fruiamo e che contribuiscono all’eccellenza della sanità emiliano-romagnola. Per questo la nostra raccolta firme a sostegno dell’incremento dei fondi contrattuali , che coinvolge i 60000 dipendenti del SSR non solo continuerà ma avrà ancora più forza e decisione”.