Al via mercoledì 14 aprile, i trattamenti riguarderanno le frazioni di Godo e San Pancrazio

Da metà degli anni ’90, da quando cioè ha cominciato a diffondersi anche nel nostro territorio, abbiamo imparato a conoscere il fastidio provocato dalla Zanzara Tigre e abbiamo tutti scoperto, letteralmente, sulla nostra pelle come un insetto così piccolo possa condizionare la nostra vita, limitare l’utilizzo degli spazi esterni alle nostre abitazioni e persino minacciare la nostra salute.
Di conseguenza, anche il sistema di lotta alla zanzara si è dovuto adattare.
Questa specie di zanzara si sviluppa esclusivamente nelle piccole raccolte di acqua stagnante. I tombini pubblici localizzati presso strade, piazzali, parcheggi vengono pertanto regolarmente disinfestati, ma ciò non basta a garantire un risultato accettabile, considerando l’elevato numero di tombini presenti nelle aree private con annessi focolai larvali.
Alla luce di tali considerazioni, l’Amministrazione comunale quest’anno ha scelto di sperimentare un approccio nuovo e più incisivo, basandosi su esperienze analoghe condotte con successo in altre realtà urbane.
L’azione riguarderà le località di Godo e San Pancrazio, dove, procedendo casa per casa “porta a porta”, tutte le raccolte d’acqua non eliminabili (tombini e simili) e altre possibili fonti di infestazione saranno trattate con un prodotto microbiologico e rimosse o messe in sicurezza. Inoltre, verrà distribuito gratuitamente un prodotto larvicida che consentirà ai cittadini di proseguire nella propria abitazione, in autonomia, l’azione di lotta contro le zanzare nel corso della stagione. Tale intervento, affidato a operatori del Centro per Agricoltura Ambiente “Giorgio Nicoli” provvisti di tesserino di riconoscimento, verrà realizzato a partire dal 14 aprile.
Sul sito del Comune di Russi (www.comune.russi.ra.it), è possibile consultare un calendario di massima con le giornate in cui sono stati programmati i sopralluoghi nelle diverse vie interessate dall’iniziativa.