Volontari dell'associazione e personale sanitario del presidio ospedaliero di Faenza

Installata nel novembre 2020, la struttura era finalizzata ad una più efficace gestione dell’emergenza, facendo da “filtro” e indirizzando i pazienti verso i percorsi dedicati.

A distanza di 6 mesi dalla sua installazione e in considerazione dell’attuale andamento della curva dei contagi nel territorio faentino viene dismessa la struttura esterna al Pronto Soccorso dell’Ospedale Civile di Faenza che era stata dedicata al Pre Triage.

Installata nel novembre 2020, la struttura era finalizzata ad una più efficace gestione dell’emergenza Covid- 19 ed ha funzionato come un “filtro” per la valutazione rapida delle classi di rischio, indirizzando i pazienti verso percorsi dedicati Covid o non Covid all’interno della struttura ospedaliera.

Nel dicembre scorso la Direzione Sanitaria dell’Ospedale Civile di Faenza ha avviato una collaborazione con la Pubblica Assistenza Città di Faenza per la copertura giornaliera del servizio Pre Triage. Ogni giorno i volontari dell’associazione, accuratamente formati e con competenze specifiche, hanno garantito il turno pomeridiano nella struttura, anche durante giorni festivi e ricorrenze, accogliendo gli utenti con professionalità, gentilezza e disponibilità, effettuando una valutazione dei parametri vitali e delle loro condizioni di salute, verificando l’osservanza delle norme di comportamento igieniche (sanificazione mani, uso della mascherina, ecc), consentendo poi al personale sanitario il giusto approccio in base al rischio individuato.

La sinergia instaurata tra l’associazione e il personale sanitario ha permesso una riorganizzazione dei percorsi di presa in carico degli utenti e l’implementazione di un’area di permanenza distinta per i pazienti sospetti Covid-19 o potenzialmente contagiosi, in attesa di diagnosi, garantendo condizioni di separazione e sicurezza.

L’esperienza di integrazione è stata considerata dalla Direzione Medica ed Infermieristica del Presidio Ospedaliero un grande valore aggiunto nella gestione di questa emergenza sanitaria legata alla presenza del Covid-19, un contributo essenziale che ha favorito la corretta gestione dei flussi ed ha trovato un riscontro positivo anche da parte della cittadinanza.