(Shutterstock.com)

La scorsa settimana registrate 150 positività su 16.623 tamponi

Al fine di fornire un aggiornamento rispetto all’evoluzione del quadro epidemiologico dell’infezione da Covid 19 nel territorio romagnolo, su un arco temporale più significativo rispetto alla situazione di una singola giornata, si riportano, in allegato, alcuni dati relativi alla settimana dal 5 all’11 luglio (precisando che si tratta dei casi di residenti diagnosticati sul territorio romagnolo).

Nella settimana di riferimento, si sono registrate  150  positività (0,9%) su un totale di 16.623 tamponi (+0,4%).

Per quanto riguarda l’indicatore relativo alle persone ricoverate, su tutta la Romagna, a lunedì 5 luglio, si registra la quota di 3 ricoveri, nessuno in terapia intensiva. “I dati di questa settimana, commenta Mattia Altini, direttore Sanitario di Ausl Romagna, ci consegnano una, seppur ancora lieve, ripresa dei contagi. Ciò, deve indurci, da una parte a non abbassare la guardia, continuando ad adottare le misure che ormai tutti conosciamo: distanziamento ed uso delle mascherine, ma soprattutto ad accelerare la campagna vaccinale, unico strumento per contrastare il virus. Gli appelli continui di questi giorni, le misure intraprese dall’Azienda per facilitare l’accesso alla somministrazione (prenotazione Last Minute con vaccini mRNA, invio ai medici di medicina generale degli elenchi dei propri assistiti over 60 non ancora vaccinati), vanno nella direzione di convincere tutta la popolazione a non attendere i prossimi mesi per accedere al vaccino. Occorre farlo adesso, prima della partenza per le vacanze, per essere garantiti dalla copertura. Invitiamo quindi tutti ad assumere questa consapevolezza e questo impegno. Più il virus circola e maggiore è il rischio che si sviluppino ulteriori varianti e che aumentino casi gravi che richiedano ospedalizzazione”.