(Shutterstock.com)

“Vengano stanziate le risorse necessarie ad affrontare l’emergenza”

Davanti all’aumento dei contagi da Coronavirus che ha segnato la fine del 2021 e l’inizio del 2022, anche per la comparsa della variante Omicron, è sempre più importante sostenere e rafforzare le attività straordinarie di prevenzione, tracciamento e vaccinazione, oltre che di cura per chi presenta sintomi gravi. Compiti che negli ultimi due anni sono state affrontati soprattutto grazie al grande sacrificio di chi lavora in sanità e con impegni di spesa straordinari da parte della Regione Emilia-Romagna.

Ecco perché è fondamentale che, a fronte dell’incremento del fondo sanitario nazionaleprevisto dalla legge di bilancio 2022, il Governo preveda la copertura delle spese straordinarienecessarie ad affrontare il covid che saranno sostenute dalle Regioni fino alla fine dell’emergenza.

A chiederlo, in un appello congiunto, sono la Regione, nella persona dell’assessore regionale alle Politiche per la salute Raffaele Donini, insieme ai segretari regionali di Cgil, Cisl e Uil: Luigi Giove, segretario generale Cgil Emilia-Romagna, Filippo Pieri, segretario regionale Cisl Emilia-Romagna, Giuliano Zignani, segretario generale Uil Emilia-Romagna.

“Questa situazione è insostenibile per il nostro sistema sanitario regionale e per quello di altre regioni- sostengono Donini, Giove, Pieri e Zignani-. Non vogliamo che il mancato finanziamento si scarichi sui cittadini o su lavoratrici e lavoratori della sanità a cui in questi anni è già stato chiesto un impegno pesantissimo che va valorizzato in modo stabile. Non siamo disponibili a rinunciare ad un modello di sanità fondato sulla centralità del ruolo pubblico, la presenza capillare sul territorio, la quantità e qualità del servizio”.

“In questi due anni abbiamo compreso che la salute pubblica è premessa all’esercizio di altri diritti costituzionali- proseguono l’assessore e i segretari di Cgil, Cisl e Uili-: il diritto al lavoro, il diritto allo studio, il diritto alla socialità, solo per fare alcuni esempi. Per queste ragioni facciamo appello al Ministro della Salute, al Governo, al Parlamento affinché vengano stanziate le risorse necessarie ad affrontare una emergenza ben lungi dall’essere risolta”.

“È necessario mettere le regioni nella condizione di poter svolgere fino in fondo il proprio ruolo anche attraverso il sostegno e la valorizzazione delle relazioni sindacali- concludono-. Riteniamo infine che sarebbe importante che su questo obiettivo sì manifesti la più ampia convergenza tra istituzioni, associazione di rappresentanza, forze politiche”.