(foto Shutterstock)

I controlli saranno effettuati al momento dell’accesso alle varie sedi comunali in forma automatica o in forma manuale

Con decreto legge 7 gennaio 2022, n. 1, e successivo DPCM del 21 gennaio 2022, in conseguenza del grave peggioramento della situazione epidemiologica da virus Covid-19, sono state introdotte una serie di nuove misure che riguardano anche l’accesso agli uffici pubblici.

Dal 1 febbraio il green pass base – quello che si ottiene anche con il tampone – sarà infatti necessario anche per accedere agli uffici pubblici.

Tutti i cittadini che intendano accedere agli uffici del Comune dovranno necessariamente possedere ed esibire una delle certificazioni verdi Covid-19, ivi compresa quella che si ottiene effettuando un tampone antigenico o molecolare con esito negativo (c.d. green pass base o debole).

I controlli saranno effettuati al momento dell’accesso alle varie sedi comunali in forma automatica o in forma manuale.

I controlli automatici in particolare saranno effettuati tramite dispositivi di lettura e validazione green pass (senza alcuna memorizzazione di dati sensibili) con rilascio di un ticket che l’utente presenterà poi al funzionario comunale con il quale ha appuntamento.

Non è invece richiesto il possesso di una delle certificazioni verdi Covid-19 nelle seguenti situazioni:

per esigenze di sicurezza (uffici aperti al pubblico delle Forze di polizia locali per attività istituzionali indifferibili, prevenzione e repressione degli illeciti);

per esigenze di giustizia (uffici dei servizi sociosanitari esclusivamente per la presentazione indifferibile e urgente di denunzie da parte di soggetti vittime di reati o di richieste di interventi giudiziari a tutela di persone minori di età o incapaci, nonché per consentire lo svolgimento di attività di indagine o giurisdizionale per le quali è necessaria la presenza della persona convocata).