(Shutterstock.com)

Per quanto riguarda la provincia di Ravenna, sono previste sedute vaccinali sia ad accesso libero che su appuntamento

Nell’Ausl della Romagna è cominciata “Se non hai avuto il morbillo, tra te e il morbillo metti il vaccino!”, campagna di prevenzione contro il morbillo che invita alla vaccinazione gratuita i giovani adulti che o non si sono mai vaccinati, oppure non hanno ricevuto almeno due dose di vaccino, indispensabili per proteggersi dalla malattia virale acuta altamente contagiosa che, potenzialmente, può essere molto pericolosa.

Ai nati nel 1990, nel 1991 e nel 1992, i servizi hanno già inviato l’invito sia tramite il “Fascicolo sanitario elettronico”, sia tramite sms. Col passare dei giorni, però, l’invito sarà esteso anche alle altre coorti di nascita, almeno fino alle persone nate nel 2000. Obiettivo della campagna è contrastare la diffusione del virus tra gli adulti non immunizzati, alla luce di una crescente circolazione del virus sia sul territorio nazionale, sia nell’Unione Europea, considerando che, anche in Romagna, sono particolarmente numerosi gli adulti tra i trent’anni e i cinquant’anni potenzialmente suscettibili perché non raggiunti né dalle campagne vaccinali, né dall’infezione naturale.

Per quanto riguarda il morbillo, invece, come affermato in una nota, non è una malattia dell’infanzia, le persone non vaccinate, infatti, possono ammalarsi a qualunque età. Si tratta di una patologia virale acuta altamente contagiosa, che esordisce con febbre, con congiuntivite e con sintomi respiratori. Da dopo circa tre giorni o sette giorni, poi, questi sintomi sono seguiti anche dalla comparsa di macchie rosso vivo sulla pelle. Il virus, che ha un periodo di incubazione variabile da sette giorni a diciotto giorno, con una media che va dai dieci giorni ai quattordici giorni, viene trasmesso per via aerea attraverso le secrezioni di naso, di bocca e di gola. Sono possibili, e non rare, complicanze, tra cui l’otite media, la polmonite e l’encefalite. A maggior rischio di complicanze sono i bambini molto piccoli, gli immunodepressi e le donne in gravidanza, persone più vulnerabili che, spesso, non possono essere vaccinate.

Il modo più efficace per prevenire il morbillo, quindi, prosegue la nota, è la vaccinazione. Gratuita e possibile, su appuntamento, o recandosi di persona agli sportelli del cup, oppure telefonando all’800 002255 negli ambulatori dei servizi di igiene pubblica, la vaccinazione protegge anche contro la parotite e la rosolia, dato che il vaccino contiene i virus vivi attenuati di morbillo, di parotite e di rosolia. Consiste in due dosi, inoculate per via sottocutanea o per via intramuscolare, a distanza di almeno quattro settimane una dall’altra. La protezione conferita verso le tre patologie conferita è elevata e duratura.

Per favorire la vaccinazione antimorbillosa, infine, l’Ausl della Romagna, su tutto il suo territorio di competenza, ha previsto sedute ad accesso libero, senza, quindi, l’obbligo di prendere l’appuntamento. Per quanto riguarda la provincia di Ravenna, conclude la nota, i luoghi, i giorni e gli orari in cui saranno effettuati i vaccini sono riportati di seguito:

  • cmp di Ravenna; lunedì 13 maggio e lunedì 27 maggio, entrambi i giorni dalle 14 alle 17
  • ambulatorio vaccinazioni adulti di Lugo; mercoledì 22 maggio e mercoledì 29 maggio, entrambi i giorni dalle 8.30 alle 12.30
  • ambulatorio vaccinazioni adulti di Faenza; giovedì 9 maggio, dalle 8.30 alle 12.30

Per maggiori informazioni è necessario inviare una mail all’indirizzo vaccinazioni.ra@auslromagna.it.