Ragazzo laureato (foto di repertorio shutterstock)
Foto di repertorio shutterstock

Oltre 1.200 le immatricolazioni (+23,4%), il dato più alto di tutto l’Ateneo di Bologna. Soddisfazione da parte del presidente TCR Giannantonio Mingozzi

Con oltre 1.200 immatricolazioni all’Anno Accademico 2020-21, vale a dire un aumento del 23,4% rispetto ad anno scorso, il Campus Universitario di Ravenna è il primo di tutto l’Ateneo di Bologna per nuove iscrizioni; lo sottolinea Giannantonio Mingozzi, Presidente Terminal Container Ravenna, che ricorda come “questo primato vada a merito della qualità di tutto il sistema universitario di Ravenna, dei servizi offerti dalla città, dall’impegno di Istituzioni, Fondazione Flaminia, imprese operanti nel porto e nell’economia della provincia, istituti di credito a partire dalla Fondazione Cassa, senza dimenticare docenti e studenti che, nonostante la grave Pandemia in corso, hanno scelto o confermato Ravenna come sede degli studi accademici nonchè come possibilità  di lavoro per il futuro”.

“Il dato di oggi – continua Mingozzi -, ci affida nuove responsabilità a partire dal completamento di quegli investimenti che migliorano la vita universitaria in città, come un nuovo studentato, nonchè il sostegno ai dipartimenti ormai storici ed alle nuove lauree triennali che registrano ottimi risultati. Fa piacere che Ravenna superi oggi, nell’insieme dei corsi, i 4.000 iscritti e che tutta la Romagna, seppure con percentuali inferiori alle nostre, cresca nelle immatricolazioni; dati che dimostrano quanto sia opportuno sostenere quegli indirizzi ravennati rivolti ad ambiente, energia e innovazione industriale che non perdono interesse nonostante i gravi colpi inferti agli investimenti sul CO2 ed all’industria dell’estrazione.”