L’automezzo è stato riconsegnato al Comune questa mattina

Donare nuova vita ad un veicolo fuori uso attraverso un’esperienza didattica concreta. È questo il risultato raggiunto dagli allievi carrozzieri della Angelo Pescarini Arti e Mestieri di Ravenna, i quali hanno rimesso completamente a nuovo: dai fanali ai sedili, dai pneumatici al restyling della carrozzeria, un Apecar di proprietà del servizio decentramento del Comune, adibito ad attività sociali.

L’automezzo è stato riconsegnato al Comune questa mattina, nel corso di un incontro alla sede di Ravenna della Scuola, a cui hanno partecipato: l’Assessore al decentramento e ambiente Gianandrea Baroncini; il Responsabile del servizio decentramento Francesco Di Scianni; Presidente e direttore della Pescarini Sergio Frattini e Luciano Casmiro, i docenti e gli allievi coinvolti.

I ragazzi hanno eliminato dapprima le tracce di vernice residua dal veicolo, dedicandosi poi alla stuccatura, alla levigatura e infine alla riverniciatura del mezzo di colore azzurro avio. L’attività di rimessa a nuovo della carrozzeria è iniziata a gennaio 2020 da parte degli allievi del corso per Operatore Meccatronico dell’Autoriparazione, ma si è dovuta interrompere a causa del lockdown ed è poi ripresa con l’avvio del nuovo anno scolastico. “Vedere la differenza tra il prima e il dopo è stato bello, una soddisfazione non da poco” ha affermato Danilo, un allievo.

L’Apecar tornerà così ripristinato ai volontari di Auser, Ada e Anteas impiegati nella circoscrizione di Roncalceci per trasportare materiali e strumenti utili ad attività a scopo sociale, ad esempio manutenzione del verde pubblico. Prossimamente verrà consegnato alla scuola un altro automezzo degli anni ‘70, sempre dell’ufficio decentrato di Roncalceci, che verrà sottoposto ad un intervento analogo.

La Scuola Pescarini si è impegnata negli ultimi anni a favorire la salvaguardia dell’ambiente e il riciclo dei materiali. Oltre a svolgere la raccolta differenziata per incoraggiare gli allievi ad uno smaltimento responsabile dei materiali di scarto, utilizza il più possibile luci al led, che si accendono solo in determinati orari e consumano meno sfruttando al massimo la luce solare. Inoltre, nel 2019 la Scuola ha partecipato in collaborazione con Hera al progetto “Piccoli robot rinascono”, un’iniziativa nata per creare un circolo virtuoso di riutilizzo degli elettrodomestici. I ragazzi hanno rimesso in funzione un frigorifero e una lavatrice e altri piccoli elettrodomestici (tostapane), forniti da Hera, e altrimenti destinati alla discarica, i quali sono stati affidati al coordinamento di volontariato di Cervia per essere assegnati a chi ne aveva più bisogno.

“Quando si costruiscono sinergie tra Amministrazione – dichiara l’assessore al Decentramento Gianandrea Baroncini – e scuole è sempre una cosa positiva. In questo caso il mezzo rimesso a nuovo e in piena funzionalità è a disposizione dei volontari per le piccole manutenzioni del territorio. Quindi valore doppio. Ringrazio insegnanti, ragazzi e i dirigenti della scuola Pescarini”.