Elena Francesconi istituto Ungaretti di Solarolo, Anna Bolzon, seconda classificata, del Comprensivo Carchidio Strocchi, e Michele Mura, terzo classificato, del Comprensivo Europa

Volge al termine la decima edizione del concorso bandito dall’indirizzo Costruzioni Ambiente e Territorio della scuola faentina. Vincono studenti della scuola Ungaretti di Solarolo, dell’Europa e delle Carchidio-Strocchi

È la giovanissima Elena Francesconi, dell’Istituto Ungaretti di Solarolo, a qualificarsi al primo posto nella decima edizione del Concorso ‘La mia camera ideale’, indetto dall’indirizzo Costruzioni Ambiente e Territorio dell’Istituto Tecnico Oriani di Faenza.

Nella mattinata di sabato 21 gennaio, nell’aula magna dell’Oriani si è tenuta la cerimonia di premiazione voluta e inaugurata dal Dirigente scolastico Fabio Gramellini, insieme ai giovanissimi vincitori e alle classi del biennio tecnologico, che hanno vissuto con emozione l’ufficialità della consegna dei premi.

Sono stati raggiunti risultati originali nello stimolare le qualità creative, progettuali e grafiche degli studenti in gara. E non sono mancati i risultati migliori. Si sono distinti infatti anche due studenti faentini: Anna Bolzon, seconda classificata, del Comprensivo Carchidio Strocchi, e Michele Mura, terzo classificato, del Comprensivo Europa.

Con il patrocinio del Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati della Provincia di Ravenna, rappresentato dalla Geometra Bruna Camurani, e del Credito Cooperativo Ravennate forlivese e Imolese, con il responsabile dell’area territoriale di Faenza Enrico Ricci, il concorso ha coinvolto una platea di studenti molto vasta, con gli studenti delle classi terze degli istituti secondari di primo grado di Faenza, del ravennate e di Marradi, Modigliana, Palazzuolo sul Senio e Tredozio. Una grande squadra di geometri in erba, che si è cimentata con originalità e creatività, nella realizzazione di una camera ideale, dove fantasia e realtà si fondono inscindibilmente per avere un ambiente dinamico, bizzarro, flessibile, fashion ma allo stesso tempo pratico, dove piacerebbe vivere, senza dimenticare le prescrizioni delle consegne che richiedevano uno spazio dalle dimensioni massime di 35 mq più eventuale giardino.

Ma è il tema del concorso a colpire particolarmente, in quanto si chiedeva di realizzare il prodotto nel contesto di un sogno, indirizzati da un livello di immaginazione molto alto, collocati nella propria camera da letto, guizzanti tra giochi, libri e musica, o immersi nel verde del proprio giardino o persino avvolti dal comfort del proprio bagno personale. Fantasia e realtà, dunque, per realizzare un ambiente dinamico, bizzarro, flessibile, fashion ma allo stesso tempo pratico dove vivere.

Questa edizione si è contraddistinta per l’originalità e la qualità degli elaborati, valutati da un’apposita commissione composta dal Dirigente dell’Oriani, da architetti e ingegneri insegnanti di materie professionali nell’Istituto, indirizzo CAT, e dalla Geometra Camurani in qualità di rappresentante del Collegio Geometri, che ha riservato ai vincitori numerosi premi, tra carte bancarie BCC prepagate, oltre a gadget per tutti i partecipanti e buoni spesa per acquisti di materiale didattico.

Un premio speciale, per la categoria ‘Più e/o Meglio’, viene riservato anche alla classe e all’Istituto scolastico distintisi con i risultati migliori: si tratta della classe 3D della Scuola secondaria di primo grado Bendandi di Faenza e dell’Istituto Comprensivo ‘Valgimigli’ di Mezzano. Entrambi i premi sono offerti dal Collegio Geometri ravennate.

Un riconoscimento speciale è stato riservato, infine, a uno studente meritevole, Marco Neri, con il conferimento del premio ‘Lia Leonardi Castellari’, che proclama il migliore geometra diplomatosi nell’a.s. 21-22 all’Istituto Oriani.