(Shutterstock.com)

Bambini e ragazzi potranno finalmente incontrarsi per concludere insieme l’anno scolastico

Lunedì 5 giugno sarà riavviata l’attività didattica nelle scuole di ogni ordine e grado di Conselice, dopo oltre due settimane di chiusura forzata a causa della drammatica alluvione che ha investito il territorio comunale.

Dopo le attività di bonifica, sgombero e i necessari controlli strutturali di tutti gli immobili che si sono svolti in questi giorni, le scuole di Conselice sono pronte a riaccogliere i propri studenti e il personale scolastico.

Riapriranno con orario pieno i nidi, le due scuole dell’infanzia, la primaria e la secondaria di Lavezzola, mentre la scuola primaria di Conselice sarà aperta solo in orario mattutino dalle 8.15 12.15; le scuole secondarie verranno ospitate nelle aule della primaria con orario 14-17.

La riapertura è stata condivisa durante una riunione che si è tenuta nella giornata del 1 giugno, alla quale hanno partecipato la sindaca Paola Pula, l’assessore alla Scuola Raffaele Alberoni, la dirigente Giovanna Castaldi e il Dsga Michele Battaglino dell’istituto comprensivo «Felice Foresti», oltre alla dirigente dell’area Wefare dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna Carla Golfieri e Chiara Galla, responsabile dell’Ufficio tecnico del Comune di Conselice.

Durante l’incontro, oltre all’apertura delle scuole, si sono decise le modalità di riavvio del servizio mensa per i ragazzi e la pianificazione del servizio di trasporto per garantire a tutti gli studenti di tornare tra i banchi. Sono stati confermati, dove possibile, anche i servizi di pre e post scuola.

«Nonostante le giornate difficili che la nostra comunità ha dovuto affrontare, la nostra attenzione è stata sin dai primi giorni rivolta ai bambini e agli studenti – afferma l’assessore Alberoni -. Ci siamo coordinati immediatamente con i referenti del plesso scolastico, con i dirigenti dell’Unione e i tecnici per tenere costantemente monitorata la situazione e riuscire a garantire nel più breve tempo possibile il riavvio delle attività scolastiche. La nostra priorità è stata quella di permettere ai ragazzi di potersi incontrare in presenza, per condividere insieme gli importanti giorni prima delle meritate vacanze estive».