Ancor prima del valore dei beni venduti, è importante la non ordinaria reperibilità in un contesto quotidiano

Nel periodo di Ferragosto e non solo, i mercatini a Marina di Ravenna sono consuetudine, ma con il passare degli anni hanno perso molto a livello di originalità e particolarità dei prodotti.

Se si vuole qualificare la località, servono mercati e mercatini che portino un valore aggiunto, ovvero mercanzie e beni non venduti quotidianamente in una qualsiasi erboristeria, negozio etnico o bazar.

Non è importante il valore dei beni venduti, ma la particolarità e una non ordinaria reperibilità in un contesto quotidiano.

Questo è fondamentale perché la qualità dei mercatini trasferisce o toglie valore al luogo che li ospita.

RH