(Shutterstock.com)

Il servizio, totalmente gratuito, ha lo scopo di sostenere chiunque sia vittima di discriminazioni legate all’orientamento sessuale e all’identità di genere

Accoglienza, consulenza, e sostegno a favore di persone LGBTI+ vittime di maltrattamenti, di violenze, di abusi, di e marginalità in ragione del loro orientamento sessuale e della loro identità di genere sono le prestazioni offerte dal nuovo centro antidiscriminazioni LGBTI+, un servizio del Comune di Ravenna finanziato con 86.000€ dal dipartimento delle pari opportunità della presidenza del consiglio dei ministri-Unar (abbreviazione di “Ufficio nazionale antidiscriminazioni razziali”).

Il progetto è stato selezionato attraverso un bando al quale il Comune bizantino ha partecipato con una proposta progettata assieme al “Movimento consumatori Ravenna aps” ed all’”Arcigay Rimini aps”. Inoltre, hanno inoltre aderito, in qualità di partner, l’Ausl Romagna; Arcigay Ravenna; Aldepi provinciale Ravenna; e Villaggio globale e LibrAzione, entrambe cooperative sociali. L’importo complessivo previsto per la realizzazione del progetto è stato di 99.000€, coi restanti 13.000€ che sono stati messi a disposizione dal Comune di Ravenna quale quota di cofinanziamento obbligatorio.

Il centro antidiscriminazioni LGBTI+ ha sede in viale Berlinguer, numero 7, a Ravenna, al piano terra dello stabile degli uffici decentrati del Comune bizantino, con ingresso indipendente. Le azioni messe in atto dal centro si basano sui principi fondamentali contenuti nella dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, del 1948. Il centro si avvale di personale sia professionista che volontario, con una formazione specifica in tema di discriminazioni e di violenze fondate sull’orientamento sessuale.

Il centro antidiscriminazioni LGBTI+ è aperto dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 11 (il venerdì e il giovedì solo al pomeriggio, dalle 17 alle 19). Per quanto riguarda i servizi, erogati a titolo completamente gratuito ed elencati di seguito, si rivolgono a persone LGBTI+, ai loro familiari, e ai loro amici:

  • accoglienza e ascolto
  • supporto psicologico
  • consulenza legale
  • orientamento verso i servizi che si occupano di formazione e ricerca del lavoro
  • orientamento sul tema abitativo

È preferibile accedere al centro prendendo un appuntamento, o telefonando allo 0544 1796279, o inviando una mail all’indirizzo sportellolgbt@comune.ra.it, o compilando un apposito modulo con la richiesta di contatto scaricabile dal sito web www.antidiscriminazione.lgbt, o tramite le pagine di Facebook e di Instagram del centro antidiscriminazioni LGBTI+, oppure presentandosi alla sede del centro, in viale Berlinguer, numero 7, a Ravenna, come specificato in precedenza.