Gli interventi hanno permesso il ripristino dei percorsi pedonali e delle staccionate, la sostituzione delle panchine e dei cestini, e la verniciatura dei giochi presenti

Il parco Barbanti di Cannuzzo, dopo i lavori di sistemazione che hanno previsto il ripristino dei percorsi pedonali e delle staccionate, la sostituzione delle panchine e dei cestini, e la verniciatura dei giochi presenti, è stato riaperto.

Come nel parco Nilde Iotti di Pisignano, anche a Cannuzzo sono state installate delle nuove attrezzature ludico-sportive, tra cui un canestro per il gioco e per il movimento dei giovani, concretizzando così il progetto dal titolo “Ci muoviam nel parco”, presentato dal consiglio di zona di Pisignano e di Cannuzzo nel percorso di bilancio partecipato “C!Part-Cervia partecipa”, che aveva l’obiettivo di rendere fruibili i parchi del quartiere agli adolescenti, oltre che ai bambini, e una delle iniziative più votate (le altre sono, invece, “Corri Rin tin ton”, che ha preposto la sistemazione dell’area sgambamento cani di via Catullo a Cervia e che è in fase di ultimazione, e “Un parco fluviale per tutti”, per implementare gli arredi e per valorizzare le potenzialità di socializzazione del parco fluviale di Cannuzzo), tra quelle proposte, dalla comunità il percorso partecipativo.

I lavori nel parco della frazione della città del sale sono stati finanziati con risorse messe a disposizione dall’amministrazione comunale di Cervia, per finanziare in spesa in conto capitale i progetti di comunità scaturiti da “C!Part”.