Con una prova corale, la formazione di Bonitta travolge la Nbv e conquista la quarta vittoria stagionale, la terza fuori casa

Un Pinali da Mvp (22 punti, con 2 ace, 1 muro e 59% in attacco: è la sesta volta in stagione che varca quota 20), un Loeppky che si conferma ad alti livelli (16 punti), una squadra che esprime una pallavolo corale e rendimento alto in tutti i fondamentali: nella partita valida per la 19ª giornata del campionato di SuperLega Credem Banca, arriva così la quarta vittoria stagionale della Consar, la terza in trasferta dopo Padova e Cisterna, contro una Nbv che arrivava da tre vittorie di fila. Con questo successo, la squadra di Bonitta allunga sul Padova e accorcia il distacco dalla stessa Verona e da Milano, tenendo così vivo l’obiettivo di provare a chiudere la regular season almeno al nono posto.

La partita

Bonitta parte con Redwitz in cabina di regia in diagonale con Pinali, Mengozzi e Arasomwan agiscono in posto 3, Recine e Loeppky sono gli schiacciatori e Kovacic è il libero. Stoytchev conferma lo starting six che ha iniziato il match di Latina con la diagonale Peslac-Jensen, i centrali Caneschi e Aguenier e gli schiacciatori Kazyiski e Jaeschke. Bonami è il libero.

Primo set nel segno dell’equilibrio costante, di buone giocate e di splendide difese da entrambe le parti. Verona prova tre volte ad allungare (8-6, 14-11 e 18-16) ma è sempre rintuzzata dalla Consar che sfruttando la vena in attacco di Loeppky e Pinali (sette punti a testa in questo parziale), prima raggiunge la nuova parità a quota 19 e poi mette la freccia, chiudendo al secondo set ball.

Un muro di Mengozzi e un ace di Arasomwan e Ravenna vola sul 3-0 nel secondo set. Poi ancora con un ace, questa volta di Loeppky, arriva il +4 (2-6). Con pazienza e trovando forza in attacco, la Nbv risale la corrente e con un break di 3 punti trova la parità a quota 9 e il sorpasso. La reazione della Consar arriva subito e apre una fase di punto a punto. Arasomwan a muro e Recine in attacco portano Ravenna a +2 (14-16). La Consar va anche a +3 (15-18) ancora con Recine protagonista, poi subisce la reazione rabbiosa di Verona che piazza un break di 6-1 e si porta davanti (21-19). E’ Pinali a fermare i padroni di casa e a trascinare la Consar nel gran finale firmando cinque punti consecutivi (10 punti e 64% in attacco in questo set). Poi l’ace di Loeppky dà a Ravenna il 2-0.

Inizio di terzo set ancora nel segno dell’equilibrio fino al 4 pari, poi la Nbv accelera mettendo a segno tre punti (7-4). Dopo il time out di Bonitta, Ravenna fa la faccia feroce in campo: piazza un break di 7 punti che vale il sorpasso e l’allungo (7-11), interrotto da Jensen dopo il secondo time out scaligero. Un ace lungo rete di Caneschi che cade nel campo ravennate e un muro di Jensen cambiano l’inerzia del set riportando Verona in parità a quota 12 e aprendo una nuova fase di cambi palla. Ma la Consar questa sera ha una fame feroce e trova la forza per piazzare un altro break (16-20), con la tripletta di Arasomwan, che stende Verona. La chiude Mengozzi e poi si scatena il tripudio della Consar.

Il commento di Bonitta

“Alla vigilia di questa partita avevo messo un po’ di pepe, perchè era il momento di alzare l’asticella e di giocare per vincere. Probabilmente Verona è stata sorpresa nel vederci giocare a questo livello: credo che il nostro successo sia meritato e veramente importante a questo punto della stagione. Avevamo studiato bene la gara d’andata e avevamo preparato alcune contromosse. C’è stata fiducia nelle situazioni che abbiamo preparato e la vittoria è arrivata di conseguenza”.

Il tabellino

Verona-Ravenna 0-3 (23-25, 23-25, 22-25)

NBV VERONA: Peslac 3, Jensen 16, Aguenier 5, Caneschi 9, Jaeschke 10, Kaziyski 8, Bonami (lib.), Magalini, Zanotti, Donati (lib.). Ne: Spirito. All.: Stoytchev.
CONSAR RAVENNA: Redwitz 2, Pinali 22, Arasomwan 7, Mengozzi 3, Loeppky 16, Recine 9, Kovacic (lib.), Stefani, Zonca, Batak. Ne: Giuliani (lib.), Pirazzoli, Grottoli, Koppers. All.: Bonitta.
ARBITRI: Zanussi di Treviso e Puecher di Padova.
NOTE: Durata set: 29’, 29’, 25’ tot. 83’. Verona (3 bv, 10 bs, 8 muri, 6 errori, 44% attacco, 62% ricezione, 33% perf.). Ravenna (5 bv, 10 bs, 8 muri, 7 errori, 47% attacco, 49% ricezione, 22% perf.). Mvp: Pinali.