Ristori per il caro energia, aumento delle tariffe per le società sportive e per gli ingressi al pubblico della Piscina Comunale

Sostegno economico ai gestori degli impianti sportivi energivori colpiti sia dalla pandemia del coronavirus che dall’aumento dei costi energetici, proroga alla società che gestisce la Piscina Comunale/Stadio Muccinelli, aumento delle tariffe condiviso con le società sportive di entrambi gli impianti e per il pubblico della Piscina Comunale, quest’ultimo dal 1° settembre. La giunta del Comune di Lugo ha licenziato un’articolata delibera che approva le misure in favore dei gestori della Piscina Comunale/Stadio Muccinelli e del Palazzetto di via Sabin.

Come anticipato nelle scorse settimane, a fronte di incontri che l’Amministrazione Comunale ha avuto con i gestori, sono state accolte le loro richieste. Il sostegno economico si attua in due modi: l’anticipo del corrispettivo economico per la gestione degli impianti e un ristoro per l’aumento dei costi relativi alle utenze di gas e energia elettrica; per la Piscina Comunale/ Stadio Muccinelli è stata inoltre disposta la proroga della gestione alla società attuale fino al 31 agosto 2023.

Nella delibera si autorizza l’aumento delle tariffe sia alle società sportive che al pubblico per quanto riguarda la Piscina Comunale. La manovra tariffaria ha avuto il via libera della Giunta dopo che il vice sindaco Pasquale Montalti ha incontrato assieme ai gestori le società sportive. Dallo scorso 1° aprile le tariffe per le società sportive applicate dal gestore del Palazzetto di via Sabin sono aumentate del 20%. Per quanto riguarda la Piscina Comunale / Stadio Muccinelli le tariffe aumenteranno dal prossimo 1° settembre dal 10% al 20% a seconda che le società sportive operino nella piscina, nello stadio, nei campi coperti o nella zona atletica. Sempre dal 1° settembre aumenteranno del 10% anche le tariffe per il pubblico della Piscina Comunale. Per fare un esempio, alla ripresa della prossima stagione, per un ingresso singolo in piscina la tariffa sarà di 8 euro (dai 7,30 attuali) e per un abbonamento stagionale invernale la tariffa sarà di 320 euro (dai 291 attuali).

La delibera approva infine l’indirizzo per concedere ai gestori i ristori per i maggiori costi delle utenze energetiche, ristori che saranno definiti puntualmente dall’Amministrazione Comunale in successivi provvedimenti dirigenziali previa valutazione della situazione economico – finanziaria dei concessionari e fino a un importo complessivo di 50 mila euro.

Il vice sindaco Montalti convocherà a breve la Consulta dello Sport per aggiornarla nel dettaglio sulle iniziative prese.

“Questa delibera è il frutto del lavoro che ci ha impegnato nell’ultimo mese con i gestori e che abbiamo condiviso con le società sportive per l’aspetto tariffario – spiega il vice sindaco Montalti – . Il nostro obiettivo è che gli impianti rimangano aperti e fruibili per il grande valore sociale e sportivo che hanno. Ringrazio i gestori e le società sportive per la capacità avuta di arrivare a un risultato comune”.